Commenta

Pomì si prepara all'ultima
fatica: sabato sera gara
in casa contro Modena

Sabato 10 marzo alle ore 20,30 si giocherà in contemporanea su tutti i campi della Samsung Galaxy Volley Cup Serie A1 Femminile per l’ultima gara della Regular Season Stagione 2017/2018. Al PalaRadi di Cremona la Vbc Pomì Casalmaggiore accoglie la Liu Jo Nordmeccanica Modena di coach Marco Fenoglio, arbitrano i signori Maurizio Canessa e Giuliano Venturi.

Continua la vendita delle uova di Pasqua Anpana Onlus all’interno del PalaRadi con un’offerta minima di € 5 per aiutare gli amici del Canile Rifugio “La Cuccia e il Nido” di Calvatone. La gara di A1 però sarà preceduta dalla sfida, valida per la 19° giornata del Campionato di Serie D girone G, tra la Alitest VBC Viandana, squadra U20 targata VBC, e la capolista, la C.R. Transport di Ripalta Cremasca alle ore 16.

Le ragazze di coach Lucchi, dopo la matematica salvezza ma soprattutto dopo la mancata qualificazione ai play off, cercheranno di salutare il proprio pubblico, che sempre le ha seguite e sostenute anche in questa stagione travagliata, nel migliore dei modi consce però della gara non semplice che le attende: la Liu Jo è si qualificata ai play off ma con una posizione ancora da consolidare.

L’allenatore di Cesenatico potrà contare su tutte le atlete a sua disposizione con Leo Lo Bianco al palleggio ed Annie Drews in opposto, ma con Giulia Rondon e Valentina Zago pronte a dare il loro apporto, coppia centrale formata da capitan Stevanovic e Guiggi, con Marina Zambelli sempre all’erta, “solito” ballottaggio a quattro tra Martinez, Balkestein-Grothues, Starcevic e Guerra per le due maglie da titolare per il ruolo di banda, libero Imma Sirressi con Francesca Napodano disponibile al giro di ricezione.

“C’è poco da dire su questo finale di stagione – dice coach Lucchi – i risultati parlano da soli: è stata una stagione travagliata e deludente per tutti, ma comunque domani contro Modena deve essere una chance per uscire dal nostro palazzetto a testa alta, per mostrare ai tifosi, che nonostante tutto ci hanno seguiti e sostenuti gara dopo gara, che dobbiamo e possiamo lottare fino all’ultimo pallone, cosa che quest’anno purtroppo ci è riuscita poche volte.

Poi domani caduto l’ultimo pallone ognuno trarrà le conclusioni che deve: credo che ognuno di noi, per primo il sottoscritto, debba guardarsi un po’ allo specchio e farsi un esame di coscienza il più possibile critico e costruttivo su quello che è stato e non è stato fatto quest’anno, perché credo che se i problemi fossero stati solo 2 o 3, o se le colpe, o meglio le responsabilità fossero state solo di ‘alcuni’, non si sarebbe arrivati a questa posizione in classifica, ad una stagione sottotono si, ma di certo non nel modo in cui noi abbiamo concluso questo campionato. Credo che ognuno di noi, dallo staff alle giocatrici alla società abbia le capacità per guardarsi dentro e saper rispondere col tempo, più a freddo, a tutte le domande che inevitabilmente tutti ci stiamo ponendo oggi”.

© Riproduzione riservata
Commenti