3 Commenti

I problemi dei pendolari
cremonesi arrivano sul
tavolo dell'a.d. di Trenord

E’ avvenuto nel pomeriggio il primo incontro tra i sindaci dell’asta ferroviaria Cremona-Treviglio e Trenord, dopo l’incidente di Pioltello che ancora sta producendo disservizi sulla linea, con ripercussione anche su quelle circostanti.
Oltre ai sindaci di Crema, Soresina, Madignano, Capralba, Caravaggio, Olmeneta, Casaletto Vaprio, c’era il vice sindaco di Castellone e per Cremona l’assessore alla Mobilità Alessia Manfredini. Cremona ha riproposto il dossier già presentato dai pendolari all’ex assessore ai trasporti Sorte, che l’a.d di Trenord Farisé ha potuto vedere per la prima volta. L’azienda di trasporti regionale era rappresentata anche da Paolo Garavaglia delle pubbliche relazioni, e dall’ing. Alberto Minoia, direttore
operativo.

Durante il confronto, i sindaci hanno parlato prioritariamente della sicurezza e della manutenzione dei convogli, ottenendo dall’amministratore delegato rassicurazioni in ordine al sistema di manutenzione/gestione della sicurezza. Si è dunque chiesto da parte di Trenord una lettera che impegni la società per iscritto su queste rassicurazioni, di modo che siano rese pubbliche.

A proposito della situazione post-incidente di Pioltello, Trenord ha spiegato la difficoltà nel tornare alla normalità in ragione dell’indagine della magistratura nei tratti interessati dal deragliamento, ma anche in relazione ai numerosi obblighi di
rallentamento in vari tratti sempre per ragioni di sicurezza, imposti dal gestore delle reti RFI.

L’incontro si è successivamente concentrato sulla vetustà dei convogli e Farisè ha illustrato il Piano 2018-2020 di Trenord per il revamping dei mezzi: un piano da 415 milioni nel triennio e che riguarderà per la quota di 8,5 milioni la tratta Cremona-Treviglio.
Anche in questo caso, i sindaci attendono nei prossimi giorni una relazione dettagliata che confermi questo piano e i suo intenti.

L’esigenza degli amministratori locali è quella di ripetere analogo incontro su questi temi, con RFI, che al momento non ha ancora risposto.

“In primo piano – commenta Alessia Manfredini – c’è anche il tema dei disagi, ritardi e  soppressioni sulla linea Cremona-Brescia, una situazione che sta peggiorando giorno per giorno. Su questo tema il Comune di Cremona ha preso contatto con l’assessore alla mobilità del Comune di Brescia per chiedere un incontro urgente con Trenord e regione Lombardia”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Andrea Ferrari

    Più che assessorati alla mobilità mi sembrano assessorati all’immobilità

  • Sorcio Verde

    Toh chi si rivede, hanno perso il sorriso però…

  • paolo

    E dal tavolo dell’AD scivoleranno verso…..