Un commento

Allarme amianto a Cremona,
Dosimo e Casanova: Ona fa
richiesta di accesso agli atti

Emergenza amianto a Cremona, Dosimo, e Casanova del Morbasco. A segnalarlo è Ivano Bonoldi, vice coordinatore dell’Ona (Osservatorio nazionale amianto) sede di Cremona. “Abbiamo fatto una richiesta di accesso agli atti in Procura, presso cui avevamo presentato degli esposti, per capire a che punto siano le azioni di ripristino di situazioni in forte stato di deterioramento, da noi segnalate ormai da tempo” spiega. E’ il caso di Dosimo, presso le ex Cantine Ferrari: “Continuiamo a ricevere chiamate i residenti e da chi lavora in zona” evidenzia Bonoldi “E’ evidente una forte presenza di amianto in notevole stato di deterioramento e che quindi è a rischio di dispersioni delle polveri nell’aria. Avevamo fatto un esposto in Procura e presso la Polizia Provinciale ormai due anni fa ma non abbiamo più saputo nulla. Nessuna risposta neppure dal sindaco, con cui avevamo avuto un incontro tempo fa”.

A Casanova del Morbasco, invece, c’è l’annosa questione del cascinale collocato vicino alla scuola, “il cui stato di deterioramento continua a peggiorare e dove durante vari episodi di forte maltempo si sono staccati dei pezzi” continua il coordinatore Ona. “Vogliamo sapere come procede la cosa e chi se ne sta occupando”.

A Cremona le zone incriminate sono via Sammachini e via Bissolati (ex bar Biffi), per le quali Ona aveva fatto segnalazioni al Comune. “In via Bissolati si notano i tetti in amianto rialzati, con crepe enormi. Quando c’è il vento si alzano polveri di amianto e i residenti sono costretti a tenere chiuse le finestre” spiega Bonoldi. “In via Sammachini, invece, c’è la presenza di un garage da cui si sollevano polveri di amianto. Anche qui i residenti si trovano con il bucato annerito dalle polveri. Vogliamo sapere a che punto sono le bonifiche”. Le segnalazioni a Ona intanto proseguono senza sosta: solo nel mese di febbraio sono state 50 i siti controllati su tutto il territorio, da Crema a Casalmaggiore.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Eliminarlo definitivamente