Commenta

Rissa durante Cremonese
Brescia. Daspo di due anni
ai tifosi bresciani

Daspo a due tifosi bresciani in seguito a un episodio verificatosi nell’ambito della partita Cremonese-Brescia dello scorso 20 ottobre 2017. I due, insieme a un terzo, erano già stati denunciati una decina di giorni dopo la partita, ma erano in corso accertamenti per l’assunzione di ulteriori provvedimenti. Ora, il Questore di Cremona ha raggiunto una decisione, emanando due provvedimenti di divieto di accesso a manifestazioni sportive (Daspo) per la durata di due anni.

I fatti si erano verificati intorno alle 16, quando uno sparuto gruppo di sostenitori bresciani, privi di simboli che evidenziassero l’appartenenza a gruppi organizzati della tifoseria biancoazzurra, è entrato in contatto con alcuni sostenitori cremonesi.

Il diverbio era degenerato in un brevissimo scambio di cinghiate ed il lancio di alcune sedie poste a ridosso di un locale pubblico. Nell’occasione il pronto intervento di un equipaggio della Digos, richiamato da uno dei titolari degli esercizi pubblici aveva inizialmente proceduto all’identificazione dei rissanti.

Nel prosieguo delle indagini prontamente intraprese era stato possibile ricostruire la vicenda ed individuare le precise responsabilità a carico di due sostenitori bresciani che, dopo aver attraversato alcune vie del centro cittadino, erano giunti in via Persico, in prossimità di un locale solitamente sede del ritrovo di alcuni tifosi cremonesi. Nell’occasione si era generato un brevissimo scambio di invettive che era poi scaturito in un contatto fisico. La visione delle immagini estrapolate da un impianto di videosorveglianza aveva consentito di individuare precise responsabilità a carico di due sostenitori bresciani che nel contatto avevano utilizzato cinghie e lanciato una sedia contro un gruppo di sostenitori cremonesi.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti