Commenta

Lezioni di interattività
per i commercianti
a Confcommercio

“Google My Business” è, ormai, uno strumento necessario per le imprese. Di questo strumento che, gratuitamente, permette di “farsi trovare dai nuovi clienti” si è parlato oggi in Confcommercio, nell’ultimo appuntamento di “Innovazione a Colazione”. “Vogliamo fornire utili indicazioni alle imprese per essere sempre più competitive – ha introdotto il presidente Vittorio Principe – Essere presenti sui nuovi media e sul web è necessario anche per le imprese in sede fissa che operano in ambito locale. Anche il tema di questa ‘colazione’ ne offre una testimonianza tangibile”.
“Nove ricerche su dieci – rilancia Davide Garufi, presidente del Gruppo Giovani Confcommercio – utilizzano il motore di ricerca di Google. My Business permette di essere ai primi posti nei risultati dei motori di ricerca. Si tratta di uno strumento dinamico, capace di incentivare gli utenti a visitare la tua attività. Con loro si possono condividere le ultime novità, eventi, offerte e promozioni speciali, così da tenerli sempre aggiornati”. L’interattività è uno dei pilastri per accrescere la reputazione online di una impresa. “È possibile monitorare le recensioni e rispondere ai clienti conferma il presidente Garufi. Una opportunità anche se ci si espone a qualche giudizio troppo severo o che non si condivide”. Citando Dustin Hoffman, “una buona recensione è solo un altro rinvio dell’esecuzione” o, come scrive sinteticamente Luigi Mascheroni le “Recensioni [sono] un male necessario”. Infine c’è una sezione importante di analisi. “Con My Business possiamo scoprire come i clienti entrano in contatto con le attività. Attraverso la funzione di analisi si può capire, solo per citare un paio di esempi, come ti hanno trovato, da dove vengono i tuoi clienti e quanto tempo trascorrono nel tuo negozio”.

© Riproduzione riservata
Commenti