Commenta

Cambio al vertice per
Musicologia: Claudio
Vela è il nuovo direttore

Una nomina nel segno della continuità, che consolidi gli elementi più performanti dell’istituzione di Palazzo Raimondi senza tuttavia chiudersi alle novità di un panorama culturale in continua evoluzione: secondo queste linee guida, è stato eletto all’unanimità Claudio Vela come nuovo direttore del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia sede di Cremona, un incarico che il professore assumerà formalmente da primo ottobre succedendo a Giancarlo Prato.

Il mandato ora è triennale con possibilità di un solo rinnovo, nel passato recente invece il Dipartimento ha avuto un riferimento storico: il professor Prato, che per trent’anni si è dedicato con passione alla guida. Arrivato nella città del torrazzo nel 1986 in qualità di docente di Paleografia presso l’allora Scuola di Paleografia e Filologia musicale, ne ha poi assunto la direzione seguendo i cambiamenti sia di statuto (la realtà cremonese nel 2001 è divenuta Facoltà di Musicologia, poi nel 2012 Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali) sia di offerta formativa (basti pensare che sul finire degli anni Ottanta erano in servizio la metà dei docenti presenti oggi e non esisteva nemmeno la biblioteca).

Claudio Vela, già vicedirettore, insegna da tempo a Palazzo Raimondi dove era approdato nel 1995 come ricercatore; soltanto nel corrente anno accademico ha curato i corsi di Civiltà medievale, Filologia italiana e Letteratura italiana contemporanea. Numerose le sue pubblicazioni, fra cui si annoverano studi critici su Dante, Petrarca, Ariosto, Bembo, Machiavelli e Gadda.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti