Commenta

Coldiretti, grande
affluenza per le visite
dermatologiche in ospedale

Cento visite dermatologiche gratuite, rivolte agli agricoltori, si sono svolte presso l’Ospedale Maggiore di Cremona, nell’ambito della “Giornata per la prevenzione dei tumori della pelle nei lavoratori dell’Agricoltura”, promossa dall’ASST di Cremona e da ATS Valpadana, con Emmerouge Onlus, Federfarma, Cattolica Assicurazioni. Coldiretti Cremona, con il Patronato Epaca, ha offerto tutto il suo supporto all’iniziativa, contribuendo a diffonderne le importanti ragioni e raccogliendo le adesioni degli agricoltori che, in gran numero, si stanno sottoponendo alle visite, nel reparto di Dermatologia. Il lavoro di prenotazione presso gli uffici Coldiretti si è rivelato prezioso: ha assicurato grande partecipazione ed ha contribuito a ottimizzare i tempi d’attesa per le visite. “I temi della salute e della prevenzione sono particolarmente sentiti da Coldiretti, che con convinzione ha operato per assicurare la presenza di numerosi associati a questa importante iniziativa” sottolinea Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona, nell’evidenziare la grande professionalità e disponibilità dimostrate da medici e personale del reparto di Dermatologia dell’Ospedale di Cremona, con la guida del dirigente Gioachino Alessandro Caresana.
La giornata ha un grande valore di informazione e sensibilizzazione. “Recenti studi hanno evidenziato come i tumori della pelle nella popolazione della provincia di Cremona siano purtroppo in costante aumento. Un dato in sintonia con il trend che si registra a livello nazionale – spiega Milena Galli, Responsabile provinciale di Epaca, presente all’iniziativa insieme agli operatori del Patronato –. L’esposizione al sole è riconosciuta come significativo fattore concausale nell’insorgenza dei tumori cutanei. L’attività agricola prevede prolungate fasi operative da svolgere all’aperto con una intensa e prolungata esposizione solare: questo dato oggettivo configura i lavoratori agricoli come una categoria maggiormente a rischio di sviluppo di tumori della pelle”.
Le visite dermatologiche rivolte agli agricoltori hanno preso avvio alle ore 8,30 e si sono concluse intorno alle ore 17,30. Sono finalizzate all’individuazione di fototipo, alla valutazione delle neoformazioni cutanee degli utenti e alla ricerca di neoplasie cutanee. Eventuali neoplasie individuate verranno prese in carico dall’Unità Operativa di Dermatologia dell’ASST di Cremona per effettuare le cure del caso. Le prestazioni diagnostiche effettuate nella giornata della prevenzione sono gratuite, le eventuali prestazioni ulteriori che verranno erogate successivamente in regime ospedaliero saranno effettuate secondo modalità e oneri previsti dal Sistema Sanitario della Regione Lombardia.

© Riproduzione riservata
Commenti