Un commento

Rendiconto 2017 in Comune:
per strade e marciapiedi
investiti 10,7 milioni

Approvato dal consiglio comunale il rendiconto di gestione dello scorso anno. Tra i dati più curiosi, illustrati dall’assessore al Bilancio Maurizio Manzi, la diminuzione per 400mila euro delle sanzioni amministrative per infrazioni al codice della strada e il recupero di tributi arretrati: 3,4 milioni nel 2017, 8,1 milioni nell’ultimo triennio.

Il saldo tra entrate ed uscite correnti  (di competenza) è pari a 4,5 milioni di euro, che sommato all’avanzo di parte corrente di conto capitale e all’avanzo di gestione dei residui, porta ad un avanzo di amministrazione 2017 pari a 22,3 milioni.

Una delle maggiori voci di spesa corrente (comprendente anche il personale) è quella attinente i servizi sociali: con poco meno di 17 milioni di euro, supera il 23% delle spese complessive, seguita per entità dai servizi istituzionali e di gestione (15milioni 820mila). Lo sviluppo sostenibile e la tutela di territorio e ambiente assorbono il 16,3% della spesa (11 milioni e 765mila euro); l’istruzione il 13,3% con 9 milioni e 638mila euro. Per ordine pubblico e sicurezza, la spesa corrente è pari a 3 milioni e 748mila euro, il 5,2%.

Le alienazioni di immobili e terreni hanno fruttato nel 2017 3milioni 223mila euro, la voce più consistente delle entrate in conto capitale che complessivamente sono ammontate a 7,8 milioni di euro. Seguono gli oneri di urbanizzazione per 1.773mila euro e la voce ‘altre entrate’, 1.419mila.

Sono stati attivati investimenti per 10,5 milioni, di cui i maggiori sono stati la manutenzione dei marciapiedi e delle strade e l’acquisizione delle rete di illuminazione (complessivamente 4,3 milioni); mentre la manutenzione del verde, relativamente a parchi, aiuole, nuove piante al posto di quelle ammalorate ha assorbito 1,1 milioni. 1,6 milioni hanno riguardato manutenzioni degli edifici pubblici ai fini della sicurezza e dell’eliminazione barriere architettoniche.

Per quanto riguarda il personale, nel 2017 è rimasto stabile come consistenza complessiva, con 696 assunti ma è aumentata la quota di tempi determinati (77 contro i 64 del 2016). La spesa pro capite è in diminuzione, 333,56 euro contro i 339,69 del 2016, anno in cui il Comune ha assorbito 17 persone dall’ente Provincia. Nel 2017 è inoltre tornata in crescita l’incidenza della spesa di personale sulla spesa corrente: il 33,2% contro il 32,6% dell’anno precedente che seguiva un quadriennio di progressiva diminuzione.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Numeroni che volano a destra e a sinistra