Cronaca
Commenta6

Uscita di strada mortale a Trigolo, l'autista aveva patente revocata

E’ stato un egiziano di 32 anni, l’autista del Fiat Ducato adibito al trasporto merci, il primo a perdere la vita nel tragico fuori strada di domenica pomeriggio sulla provinciale Soresina – Trigolo. I.M.G.G., residente a Soresina, ha perso il controllo del veicolo tirando dritto in prossimità di una curva e finendo ribaltato nel fossato laterale. Nel 2014 gli era stata ritirata la patente dopo essere stato segnalato alla Prefettura per stupefacenti. Oltre a lui è morto V.S., senegalese di 25 anni, uno dei cinque richiedenti asilo domiciliati a Soresina, che viaggiavano in condizioni precarie, alcuni di loro anche in piedi, nella parte posteriore del mezzo. Vicino al conducente erano seduti altri due nordafricani, di nazionalità marocchina e tunisina. Quest’ultimo, 23 anni, ha riportato ferite lievi: ricoverato all’ospedale di Crema, già in serata era in via di dimissioni.

Nessuno degli altri quattro ragazzi che viaggiavano sul retro ha riportato ferite gravi: a stare peggio, un nigeriano con ferite alla gamba, trasportato in elisoccorso e operato all’ospedale di Cremona. La Polizia Stradale, agli ordini della comandante provinciale Federica Deledda, sta ultimando ulteriori accertamenti sulle ragioni di quella trasferta precaria da Soresina a Trigolo, su di un mezzo inadatto al trasporto persone. Già escluso il fatto che il gruppo stesse operando per conto della cooperativa che li sta ospitando a Soresina.

© Riproduzione riservata
Commenti