Un commento

Pareggio allo Zini con il
Novara, ma la Cremonese
è ancora viva

Foto di Francesco Sessa

Cremonese – Novara 1-1

Cremonese (4-3-3): Ujkani; Cinaglia, Claiton, Marconi, Renzetti; Cavion (dal 12’st Croce), Pesce, Arini (dal 43’st Scappini); Perrulli (dal 35’st Scamacca), Brighenti, Castrovilli. All. Mandorlini.

A disp.: Ravagalia, D’Avino, Sbrissa, Forni, Camara, Macek, Cinelli, Massari, Garcia Tena.

Novara (4-4-2): Montipò; Golubovic (dal 5’st Dickmann), Troest, Del Fabro, Calderoni; Moscati (dal 23’st Seck), Casarini, Orlandi, Di Mariano; Macheda, Puscas (dal 39’st Maniero). All. Di Carlo.

A disp.: Farelli, Benedettini, Mantovani, Sansone, Chiosa, Sciaudone, Maracchi, Lukanovic, Ronaldo.

Arbitro: Eugenio Abbattista della sezione di Molfetta, coadiuvato dagli assistenti Edoardo Raspollini di Livorno e Gaetano Intagliata di Siracusa. Quarto ufficiale Antonio Rapuano di Rimini.

Gol: 7’st Machedo, 23’st Claiton

Ammoniti: Cavion, Puscas, Orlandi, Perrulli, Troest, Claiton, Calderoni, Dickmann, Pesce

Espulso: Macheda

Corner: Cremonese 7, Novara 0

Esordio allo Zini per Andrea Mandorlini da una settimana allenatore della Cremonese. Qualche cambiamento rispetto alla gara con lo Spezia, a partire dal rientro da titolare di Andrea Brighenti. In campo anche Claiton al rientro dall’infortunio al posto dello squalificato Canini, Cavion per Cinelli e Perrulli per Macek. Al 10’ la Cremonese costruisce la prima occasione con Marconi che serve Castrovilli, il giovane trequartista si crea lo spazio per andare al tiro che finisce di poco a lato. Punizione interessante per la Cremonese al 15’ per fallo di Calderoni su Castrovilli. Va Perrulli sul pallone all’altezza del vertice destro dell’area, nessuno riesce a colpire di testa e l’azione si spegne sul fondo. Al 21’ Cavion toccato in area da Orlandi si lascia cadere e rimedia un giallo tra le proteste grigiorosse. La partita è piuttosto dura con il Novara che non risparmia colpi proibiti e la Cremonese che protesta. Squadre al riposo sullo 0 a 0. Meglio i grigiorossi nella prima frazione di gioco, con un Novara che non si è mai affacciato in area, ma ha pensato soprattutto a bloccare con le cattive i portatori di palla.

Secondo tempo che si apre con un gran tiro di Cavion che prova a concretizzare una bellissima azione condotta da Perrulli e Renzetti sulla sinistra. Il Novara però sembra essere entrato in campo con un piglio diverso e la voglia di provare a far sua la partita e alla prima conclusione passa però il Novara con Macheda che gira di testa a rete un cross di Moscati. Al quarto d’ora succede di tutto con Macheda che colpisce Croce a palla lontana e viene espulso. Ne nasce addirittura una mezza rissa con tanto di panchina dei piemontesi in campo, ma non vengono presi altri provvedimenti ad eccezione di un giallo per Claiton. Ed è proprio il difensore grigiorosso oggi al rientro che trova il gol del pareggio al 23’, Claiton vince un rimpallo e colpisce a botta sicura superando Montipó. Al 32’ Brighenti di testa colpisce la traversa sugli sviluppi di un corner. Poi è Castrovilli al 34’ dalla distanza a sfiorare il palo. Al 36’ Croce da due passi impegna in due tempi Montipò. È un assedio alla porta dei piemontesi, negli ultimi minuti Brighenti sfiora il palo in acrobazia e poi è Scamacca di testa a sfiorare la traversa. Mandorlini inserisce un’altra punta, Scappini, per tentare il tutto per tutto, la squadra ci crede e continua ad attaccare, anche se cominciano a mancare le forze e le giocate si fanno meno lucide. 4 i minuti di recupero decretati dal direttore di gara. Proprio all’ultimo minuto Scappini colpisce un palo clamoroso. Finisce così con un solo punto ma con una Cremonese che dimostra di essere ancora viva.

Cristina Coppola

FOTO SESSA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    un punto e’ sempre un punto