13 Commenti

Agente accoltellato, il
Coisp insorge: 'Necessario
dotare i poliziotti di taser'

Il sindacato di polizia Coisp Cremona insorge contro l’ennesima violenza nei confronti di poliziotti in servizio, consumatasi nella sera di lunedì 23 aprile, quando un agente intervenuto nell’ambito di una lite condominiale è stato accoltellato e quasi scaraventato giù dalle scale, mentre un secondo poliziotto ha subito altre violenze fisiche, compreso un morso sul petto.

“La prima considerazione da fare riguarda l’alto senso del dovere, l’abnegazione e la professionalità dei poliziotti intervenuti” dichiarano Claudio Sposito e Nico Conte,
rispettivamente segretario generale provinciale e il suo vice del Coisp di Cremona. “A questi agenti facciamo i nostri più sinceri complimenti e auguriamo loro una pronta guarigione”.

Ma i sindacalisti si scagliano anche contro la carenza di dotazioni per l’autodifesa. “Da anni questa Organizzazione sindacale, a livello nazionale, combatte per fornire alle Forze dell’Ordine migliori strumenti”. Come appunto lo spray urticante utilizzato dagli agenti per mettere fuori combattimento l’aggressore. Ma per il Coisp servirebbe qualcosa in più, come “l’introduzione della pistola Taser, ormai diffusa in altri Stati Europei per preservare l’incolumità dei poliziotti e delle persone da bloccare. Concludo rivolgendomi a chi può cambiare il corso di tutta questa violenza chiedendogli: ma quanto tempo occorre per riuscire a capire la gravità della situazione?”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mirko

    Perché il taser, se hanno già le pistole? Ad un soggetto così il taser non serviva

    • Simone

      Perché uccidere un uomo (anche se quello che ha fatto non è bello!) quando lo si può stordire col Tazer? Non facciamo come negli USA che poi lo usano come pretesto. Anche se i nostri agenti hanno più cervello e umanità dei loro colleghi americani.

      • Mirko

        Uno che accoltella un poliziotto, che ne ferisce un altro a morsi e che tenta di buttarlo giù dalla tromba delle scale, secondo te merita una seconda occasione??dopo sentiamo al tg”doveva essere in galera e nel frattempo ha ucciso”…..Smettiamola di essere buonisti

        • Illuminatus

          Il confine tra “buonisti” e “stupidi” a volte è molto labile. E le nostre “risorse” lo sanno bene.

      • Franco Ferrari

        Sono pienamente d’accordo con lei. I nostri poliziotti hanno scelto di servire lo Stato e devono essere messi in condizione di farlo nel miglior modo possibile. Non sono e non vogliono essere dei killer solo per soddisfare la sete di sangue di qualche pantofolaio invasato. Quando si uccide qualcuno, anche la peggior persona del mondo, si subisce un trauma tremendo. Rispettare le forze dell’ordine vuol dire anche evitare loro quando possibile tutto questo.

        • Paolo Torriani

          Vi rendete conto che non si può uscire di casa per andare a lavorare e rischiare di non tornarci più perchè qualche invasato ubriaco che non ha nulla da perdere tenta di piantarti un coltello nel collo? Pensate quel poliziotto non abbia subito uno trauma tremendo? Cambiare le regole d’ingaggio non per qualche pantofolaio invasato, ma per l’incolumità delle forze dell’ ordine e se non sei portato per sparare ad un delinquente ARMATO vai a fare il ragioniere.

      • Roberto

        Ma i nostri sono poliziotti o spaventapasseri? Se hai a che fare con un individuo che cerca di ucciderti, é il minimo essere nella condizione di potersi difendere e se questo continua, bisogna fermarlo anche con maniere più forti delle sue.

        • Franco Ferrari

          Infatti l’hanno fermato utilizzando il minimo di violenza indispensabile. Questi, secondo me, sono POLIZIOTTI.

          • Roberto

            Non metto in dubbio le capacità di questi agenti e questa volta gli é andata bene, peró spesso sono più tutelati i delinquenti, se uno spara, loro possono rispondere al fuoco solo.se sopravvivono… credo che prevenire spesso sia meglio che curare

          • Franco Ferrari

            E su questo siamo perfettamente d’accordo.

  • Paolo Torriani

    Cambiare le regole d’ingaggio bisogna dare la possibilita’ di sparare e uccidere, chuunque tenti di far del male alke nostre forze dell ordine . Ovviamente il tutto senza alcuna ripercussione.

    • Mirko

      Concordo pienamente

  • disqus_jQeGIpbFH9

    Che usino le armi come fanno negli Stati Uniti .