6 Commenti

Spacciava ogni giorno
davanti alle scuole: arrestato
richiedente asilo del Gambia

Ogni mattina raggiungeva Cremona, posizionandosi all’altezza di via Dante, nei pressi degli istituti scolastici, per spacciare dosi di hashish ai giovanissimi clienti al termine delle lezioni. E’ quindi finito in manette S.A., rifugiato richiedente asilo nato in Gambia e domiciliato in una comunità di accoglienza di Sospiro, regolare in Italia con permesso di soggiorno per rifugiati e nullafacente, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione da parte dei Carabinieri di Cremona, che da settimane hanno intensificato i controlli in città, con particolare attenzione alle cosiddette aree sensibili e cioè quelle maggiormente frequentate dai giovani, è scattata intorno a mezzogiorno di mercoledì 9 maggio, al termine di un servizio di controllo ed osservazione del sospettato.

In quel momento il 19enne, è stato sorpreso dai militari agli ordini del maggiore Rocco Papaleo mentre cedeva 2 grammi di hashish, dietro corrispettivo di 10 euro, a un 42enne cremonese. Questi al momento del fermo ha dichiarato di far uso di droghe da diverso tempo e di essersi recato in quel luogo proprio perché aveva saputo di questo traffico negli ambienti frequentati dagli assuntori di stupefacenti.

Secondo quanto raccontato dall’uomo il pusher era presente ogni giorno nei pressi dell’ingresso di alcuni istituti scolastici, tra le 12 e le 14. Il 42enne é stato segnalato alla Prefettura di competenza quale assuntore di sostanze stupefacenti,mentre l’arrestato é stato trattenuto presso la camera di sicurezza della Caserma “Santa Lucia” in attesa del processo per direttissima, che si svolgerà nella mattinata di giovedì.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    A questo punto via il permesso di soggiorno,è a pedate fino in Gambia

  • Sorcio Verde

    Scommettiamo che domani sarà di nuovo libero?

  • paolo

    ehhhh.. invece di apprezzare le spiccate capacità imprenditoriali della “risorsa” che, evidentemente voleva integrare quella miseria di “pocket money” che gli viene data….

  • Gianluca

    Effettivamente era qualche settimana che non avevamo più notizie del genere.

  • MENCIA

    grande spirito di adattamento in Italia, un bel canotto e via Po ritorno in Africa

  • disqus_jQeGIpbFH9

    Cattivoni ! lavorava per pagarci le pensioni!