4 Commenti

'Ladri delle cantine'
in viale Po e vie limitrofe
Razzia di vini e olio

Li hanno già ribattezzati i ‘ladri delle cantine’: sono gli ignoti autori di alcuni furti avvenuti di notte in almeno un condomino di viale Po, all’altezza di via dei Pescatori. Almeno un altro caso è avvenuto in un condominio di via Trebbia, di fronte alla scuola media Virgilio, e altri tentativi nei condomini all’inizio di via Lago Gerundo. La modalità è semplice: i ladri  forzano i lucchetti e le serrature più ‘abbordabili’, tralasciando quelle più difficoltose per evitare troppo rumore, e una volta entrati portano via bottiglie di vino, olio generi alimentari in genere. In qualche caso anche scarpe.

L’ingresso ai locali sotterranei in molti condomini della zona Po è aperto, basta seguire la rampa che conduce ai garage , da cui poi è facile avere accesso alle porte delle cantine.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Graziano Ansaldi

    È chiaro che se non si adottano minime condizioni di sicurezza, si lascia spazio aperto ai ladri. I cancelli esterni devono sempre essere chiusi .

    • maumamaro

      Giusto: la colpa è dei derubati

      • Graziano Ansaldi

        No di certo, ma se lasci i cancelli aperti è un invito a nozze per i ladri.

  • Mirko

    Sono cleptomani quindi lo fanno a causa di una malattia