Ultim'ora
Commenta

Studenti delle elementari
di Casalbuttano in visita alla
caserma dei carabinieri di Cr

Mercoledì 23 maggio 35 studenti delle classi IV della Scuola Primaria di Casalbuttano ed Uniti, accompagnati dal responsabile dell’Istituto Paola Oneta e dagli insegnanti Elena Baronchelli e Luca Grazzini, hanno visitato la Caserma “S. Lucia” di Viale Trento e Trieste di Cremona, sede del Comando Provinciale Carabinieri.

Accolti dal maggiore Rocco Papaleo, comandante della Compagnia, dal Luogotenente Alberto Artioli, dall’appuntato scelto Bartolomeo Sorice, del comando Stazione di Casalbuttano ed Uniti (quest’ultimo particolarmente emozionato per la presenza tra gli studenti del figlio Giuseppe che ha già deciso di seguire le orme del padre), del luogotenente Giancarlo Teti, comandante del nucleo comando, e dal maresciallo Maggiore Eugenio Ferro, Comandante dell’aliquota Radiomobile, gli alunni hanno avuto modo di conoscere i compiti e la struttura dell’Arma dei Carabinieri.

Nel corso della visita è stata illustrata la funzionalità dei mezzi in dotazione, di molti strumenti tecnici, nonché le attività del foto-segnalamento. Una breve e piacevole pausa è stata fatta presso l’ufficio del Comandante della Compagnia, il maggiore Papaleo, dove lo stesso ha illustrato parte delle sue collezioni private di oggetti, modellini e soldatini di piombo dei Carabinieri.

L’iniziativa è terminata il giorno successivo presso la Scuola di via Verdi a Casalbuttano: i Carabinieri infatti, al fine di rendere partecipi anche quegli studenti che non avevano potuto partecipare alla visita del giorno precedente, hanno deciso di far loro una sorpresa nel corso della ricreazione, portando una “gazzella” sul posto e scattando una bella fotografia mentre tutti loro facevano il saluto militare.

Tante le domande suscitate dalla curiosità dei giovani studenti che si sono dimostrati interessati e divertiti, in particolare quando hanno avuto modo di salire a bordo delle auto dei Carabinieri, facendo suonare i sistemi acustici e quando hanno indossato i giubbotti e i caschi antiproiettile. L’iniziativa rientra nel contributo dell’Arma nella formazione della cultura della legalità per l’anno scolastico 2017/2018.

© Riproduzione riservata
Commenti