Ultim'ora
Commenta

Solstizio d'estate, il 23
giugno appuntamento al
Ponticello con gli Anni '60

Torna anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con il Solstizio d’Estate, promosso dalla Compagnia delle Griglie nell’ambito del Progetto Mec, che si svolgerà sabato 23 giugno.

Quest’anno la location sarà quella del Ponticello Beach di Castelvetro Piacentino, che farà anche da cornice al tema della serata: quello degli anni ’60, quando la spiaggia di Castelvetro Piacentino era quella in cui tutti i cremonesi andavano a rilassarsi. Dunque spazio ad abbigliamento d’epoca, vespe e biciclette. Dress code, i fiori: i circa 500 partecipanti alla cena, dovranno infatti indossare qualcosa di floreale.

La serata si svolgerà in maniera analoga a quella degli altri anni anni, con interviste dal palco e dal pubblico, momenti musicali con l’esibuzione di Diego Favagrossa, fuochi d’artificio, proiezioni video, fiaccolata sul fiume e contributi di associazioni del terzo settore nell’ambito della disabilità. Gran finale poi con la musica anni 60, per ballare tutti insieme.

“Siamo molto contenti di questa collaborazione, importante per un duplice motivo: il primo perché si tratta di un progetto sociale, a cui teniamo molto perché da tempo stiamo lavorando su questo argomento, e con questa iniziativa abbiamo l’occasione per poterci mettere in gioco concretamente, avviando una collaborazione tra territorio piacentino e territorio cremonese” ha detto il sindaco di Castelvetro Piacentino, Luca Quintavalla. “Inoltre ritengo positiva la valorizzazione del Ponticello, che abbiamo recuperato di recente grazie a una collaborazione tra pubblico e privato”.

“Abbiamo colto questa opportunità con grande entusiasmo” ha detto l’assessore al Welfare Chiara Bruni. “E già dalla giornata del 23 giugno sei ragazzi disabili che fanno parte dell’Istituto Biazzi saranno a disposizione per aiutare con la serata, dando il via a un progetto di inclusione lavorativa dei disabili”.

Soddisfazione anche dalla Compagnia delle Griglie, come spiega Marco Ferlenghi: “Obiettivo della serata è una riflessione sull’inclusione lavorativa. Un momento per iniziare a mettere le basi che ci consentano di creare un team che possa formare i ragazzi disabili per approcciarsi al mondo del lavoro”.

Il sogno condiviso è quello di “arrivare a realizzare anche sul nostro territorio, come già accade in altre realtà, un locale gestito interamente da ragazzi disabili” evidenzia Ferlenghi. Un altro passo sarà l’inserimento dei disabili nell’organizzazione della Mezza Maratona Città di Cremona.

Laura Bosio – Nicoletta Tosatto

© Riproduzione riservata
Commenti