Ultim'ora
Commenta

Uto Ughi in auditorium:
concerto per
celebrare l'Europa

Nella città del Torrazzo si è esibito svariate volte affascinando il pubblico con i suoi preziosi violini costruiti dai maestri liutai cremonesi delle origini, come lo scorso autunno quando nel corso di “STRADIVARIfestival” suonò con ‘I filarmonici di Roma’. Ora è pronto a tornare in scena: Uto Ughi sarà al Museo del Violino questa sera alle 21 in duo con Andrea Bacchetti al pianoforte, nel concerto organizzato dall’Associazione Culturale ‘Arturo Toscanini’ di Savigliano.
Il maestro presenterà il nuovo disco “Note d’Europa”, registrato proprio nell’auditorium cremonese. Per l’incisione Ughi ha posato l’archetto sullo Stradivari ‘Kreutzer’ 1701 e il Guarneri del Gesù ‘ex Grumiaux’ 1744, suoi fedeli compagni di avventure musicali. In scaletta i brani del disco, pensato come un viaggio della memoria nel Vecchio Continente fra Seicento e Novecento: dalla “Danza ungherese n. 5” di Brahms all’ “Havanaise Op. 83” di Saint-Saëns passando per “La ridda dei folletti” Scherzo fantastico op. 25 di Bazzini.
Padre istriano e madre veneta, l’artista bustocco classe ’44 ha iniziato gli studi in violino da bambino con il maestro Enescu -già allievo di Menhuin- e il legame con la musica è stato inossidabile. Questa sera al Museo del Violino si esibirà con Andrea Bacchetti, pianista versatile fresco di collaborazione con Antonella Ruggiero.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti