Commenta

'La Patienza di Socrate'
chiude il festival
Monteverdi

Il Monteverdi Festival 2018 si chiude con un appuntamento di Young barocco che vede coinvolti studenti, docenti, operatori culturali uniti nella realizzazione de La Patienza di Socrate con due mogli di Antonio Draghi. L’opera, che andrà in scena il 21 e 22 giugno sul palcoscenico del Teatro Ponchielli, sarà diretta da Roberto Perata, mentre la regia è affidata a Ilaria Sainato.

La rappresentazione dell’opera verrà preceduta, martedì 19 giugno (ore 18.30) nel Foyer del Teatro Ponchielli dalla Guida all’ascolto con il direttore Roberto Perata, la regista Ilaria Sainato e la musicologa Angela Romagnoli.
L’ingresso per Aperitivo con l’opera è libero. I biglietti sono in vendita alla biglietteria del Teatro, aperta tutti i giorni feriali dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30 (tel 0372.022001/02) – info@teatroponchielli.it –www.teatroponchielli.it. Biglietti: posto unico numerato € 10,00

Studenti, docenti, operatori culturali uniscono le forze per allestire uno ‘scherzo drammatico per musica’ che Antonio Draghi, Kapellmeister alla corte asburgica, scrisse per Vienna, in occasione del suo trasferimento a Praga per sfuggire alla peste intorno al 1679/1680. Regia e coreografia sono affidate alla musicologa e danzatrice barocca Ilaria Sainato, la concertazione e direzione all’eclettico Roberto Perata che guiderà l’Orchestra barocca del Conservatorio di Mantova. Un progetto fatto dai giovani professionisti di domani per celebrare la Festa della Musica.

© Riproduzione riservata
Commenti