Commenta

L'Avis festeggia i suoi soci
L'elenco dei premiati
per aver fatto 75 donazioni

foto Sessa

Domenica 17 giugno si è celebrata la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, un appuntamento altamente sentito presso tutte le AVIS del territorio nazionale. Per l’Avis comunale di Cremona è stato ancor più importante perché collocato all’interno dei festeggiamenti legati all’85° anno di fondazione. Dopo la messa in cattedrale, la celebrazione è proseguita nel salone dei quadri di palazzo comunale dove la presidente Andreina Bodini ha parlato della figura del donatore di sangue, ringraziando i donatori che hanno effettuato 75 donazioni e ricordando lo slogan scelto nel 2018 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: “Sii disponibile per qualcun altro. Dona sangue e condividi la vita”.

A fianco dell’AVIS il Sindaco, Gianluca Galimberti, ha voluto condividere questo momento sottolineando come sia meritoria l’azione di donare il proprio sangue per gli altri e, partendo da uno dei colori societari, il rosso, ha instaurato un parallelismo con la bandiera italiana. Citando l’art. 12 della Costituzione, ha richiamato l’attenzione dei presenti sul rosso, che significa il sangue versato nella 2° guerra mondiale, ma anche il sangue di Falcone, Borsellino, Impastato e di tutti coloro che hanno difeso le istituzioni. Il rosso ricorda anche il sangue degli avisini. AVIS è dentro la bandiera italiana. Guardando la bandiera ogni volta ci ricorderemo della capacità di donare gratuitamente la nostra vita per gli altri e della capacità di donare gratuitamente il nostro sangue per l’altro, “l’altro che non conosciamo”.

Un discorso toccante, a cui ha fatto seguito l’intervento di Uliana Garoli, presidente della Fondazione Città di Cremona, che ha reso noto come il patrimonio donato dai cittadini cremonesi sia messo a disposizione di fasce più deboli della popolazione, consentendo loro di trovare sollievo in un momento difficile della propria vita. In questo modo AVIS e Fondazione Città di Cremona ritrovano una somiglianza nell’agire.

Dopo aver ringraziato Alessandro Lanfranchi, amministratore delegato di Padania Acque, sempre presente alle manifestazioni dell’AVIS, e il colonnello Giovanni Petrocelli della Caserma Col di Lana, la presidente Bodini ha passato la parola a Claudio Ardigò che, citando la sua esperienza, ha insistito sulla necessità di diffondere la cultura del dono e del gesto solidale, integrando le sue considerazioni con riferimenti letterari.

ELENCO DEI DONATORI PREMIATI CON DISTINTIVO IN ORO E RUBINO PER AVER EFFETTUATO 75 DONAZIONI AL 30 APRILE 2018

Alquati Claudio
Alquati Maria Cristina
Antolini Debora
Arcaini Luigi
Ardigo’ Marco
Attimonelli Maurizio
Avanzi Fabio
Azzali Luigi
Bassanini Fiorenzo
Bedogni Michele
Beduschi Luciana
Bergogni Marco
Bernardoni Mauro
Boccaccia Giorgio
Borsella Marco Enzo
Cabrini Andrea
Cavaglieri Vittorio
Cavalli Davide
Cervi Paolo
Chiapparini Rita
Conizzoli Alberto
Dalloli Marco
Defanti Maurizio
D’orazio Sabrina
Favalli Giacomo
Ferrazzi Gian Pietro
Foresti Alberto
Frati Silvia
Garziera Laura
Gazzoni Roberta
Graziani Claudio
Latella Maria
Leoni Mauro
Maccagni Raffaella
Marchini Nadia
Masotti Massimo
Merlo Aurelio
Morabito Paolo
Ottoni Paolo
Paloschi Paolo
Parmigiani Angelo
Pasini Mario
Pasotti Alberto
Poli Claudia
Poli Maria Cristina
Rabaiotti Alberto
Rastelli Emanuele
Ravizzi Manolo
Ronchi Massimiliano
Ruffini Cristina
Sali Piergiorgio
Salvatori Gabriele
Scarabelli Aldo
Scaramuzza Roberto
Scarinzi Massimo
Scazzoli Nella
Silvestrini Alessia
Stendardi Gianluca
Vigna Cristina
Zanacchi Raffaella
Zerbini Marzia

© Riproduzione riservata
Commenti