4 Commenti

Il Kavarna arriva in
Consiglio Comunale
Interrogazione M5s

La questione del csa Kavarna arriva sul tavolo della Giunta e sarà discussa nel corso del prossimo Consiglio Comunale in programma lunedì’ 25 giugno alle ore 17.00. A presentare l’interrogazione a risposta orale è stata il capogruppo del Movimento 5 stelle Maria Lucia Lanfredi il 12 giugno scorso, che aveva già preannunciato l’azione proprio nei giorni caldi della questione. Tutto è nato per le feste organizzate dal centro sociale l’8 e il 9 giugno che avevano suscitato vibranti lamentele da parte dei residenti principalmente per il volume altissimo, ma non solo.

Il Comune aveva incontrato il direttivo del quartiere Cascinetto-Giuseppina, rassicurando i cittadini circa un rafforzamento della sicurezza, garantendo un confronto permanente con i residenti e promettendo la realizzazione di interventi sull’area (leggi qui: Cascinetto: sarà rafforzata vigilanza, non si escludono altre azioni). Successivamente l’Amministrazione aveva partecipato ad un meeting con le altre istituzioni del territorio proprio per affrontare la questione Kavarna.

Dopo il gazebo organizzato dalla Lega di sabato 16 giugno, ora arriva anche il passo istituzionale del M5s che intende chiedere “al Sindaco e alla Giunta come si intende affrontare il problema a tutela di entrambe le parti, e con che tempi, affinché si addivenga ad un accordo per una migliore convivenza reciproca”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Jo lega

    Ma non penserete che questi arroganti possano risolvere qualcosa io userei i militari come anche per controllare i rom

    • Alceste Ferrari

      I militari li dovrebbero mettere davanti casa tua per non farti uscire e non farti dire sciocchezze
      Razzista arrogante

      • Jo lega

        Lei penso sia uno dei 10 100 1000 e proprio un vero italiano si vergogni e stia vitto

  • Jo lega

    Ricordatevi che questi personaggi inneggiano a 10 100 1000 nassiriya si vergognino anche quelli che non prendono posizione contro questi veramente italiani