Commenta

La coppia Setti-Mazzoni si
aggiudica la 56esima edizione
della Notturna di bocce

Alle prime luci dell’alba, precisamente alla 3,30 tra sabato 7 e domenica 8 luglio,  fattore che contraddistingue l’affascinante 56esima edizione della “Notturna di Cremona” (ex “Fanino Alquati”) di bocce, la coppia emiliana Stefano Setti-Andrea Mazzoni della Sanpierina Bologna ha iscritto il proprio marchio nell’Albo d’Oro di questa particolare e sentita competizione, unica in Italia nel suo genere. Ha battuto 12-10 i forti e favoriti Marco Luraghi-Massimo Bergamelli della Caccialanza Milano. In precedenza nelle semifinali hanno ammainato bandiera Dario Bartoli-Daniele Ombrosi (San Cristoforo Pesaro Ubino) di serie A1 e Sebastiano Invernizzi e Paolo Rossoni della Tagliuno Bergamo. Dal 5° all’8° posto si sono classificati Govanni Menegazzi –Stefano Pelanda (Jolly Bolzano), Luca Viscusi-Paolo Luraghi (Caccialanza Mi di A1), i bravissimi cremonesi Edoardo Massarini-Massimo Campanini (Can. Flora) e Roberto Antonini-Walter Barilani (Alto Verbano -VA).

Ricordiamo che la “Notturna di Cremona”  – organizzata dalla Canottieri Bissolati del presidente Maurilio Segalini ed in particolare da Gabriele Ronda, Livio Francisco e dal consigliere di settore Davide Pompini – è una tappa importantissima del calendario nazionale tipologia Elite ed è tra le più longeve e prestigiose della penisola. Gli iscritti provengono dalle regioni dell’Italia settentrionale e centrale ed è in pratica una sfida tra i migliori specialisti d’alto livello.

I giocatori cremonesi e cremaschi si sono rivelati all’altezza della situazione tenendo testa ai forti avversari piazzati nei primi posti delle graduatorie nazionali Fib. Ha diretto i 19 gironi Marco Lasagni supportato dal cremonese Ennio Clementi e da tutto il nostro settore arbitrale. Straordinaria la partecipazione del pubblico che ha lasciato chiaramente intuire che si può sin d’ora partire per l’allestimento della prossima edizione

Marco Ravara

© Riproduzione riservata
Commenti