Cronaca
Commenta1

PMI, Cremona tra le 10 città italiane più tassate e peggior lombarda

Ottava città con il peso fiscale più elevato d’Italia sulle piccole medie imprese. E’ questo il dato che emerge dal rapporto 2017 dell’Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle Pmi intitolato “Comune che vai, fisco che trovi”. La nostra città è quindi tra le peggiori d’Italia sia a livello di Total tax rate (Ttr, in sostanza il peso complessivamente esercitato dal fisco) che di Tax free day (Tfd, ovvero il giorno della liberazione dalle tasse, la data cioè fino alla quale l’imprenditore deve lavorare – tutti gli anni – per produrre il reddito necessario ad assolvere gli obblighi fiscali e contributivi).

Il peso fiscale tocca quota 67% (maglia nera Reggio Calabria con il 73,2%), il peggior dato regionale e, come detto, l’ottavo più alto a livello nazionale, con un incremento rispetto al 2016 dello 0,2%. Non solo: nella flop 50 per quanto il Ttr, Cremona è l’unica lombarda insieme a Milano (44esima con una pressione del 62,4%). L’eccellenza a livello regionale è rappresentata da Mantova (decima con il 56%) e da Trento a livello nazionale con un peso fiscale del 54,1%. Il dato medio italiano è del 61,2% con una crescita dello 0,3% rispetto all’anno precedente.

Per quanto riguarda il Tax free day, le graduatorie sono rimaste sostanzialmente invariate. Cremona è sempre la peggior ottava d’Italia, ma rispetto al 2016 sfonda l’ideale barriera di agosto: nel 2017, infatti, il Tfd è caduto il 1 settembre (31 agosto il dato dell’anno precedente). Di fatto un mese e mezzo dopo Trento (16 luglio), miglior risultato nazionale, e due settimane dopo Milano (15 agosto), seconda peggior lombarda. Con il suo 22 luglio, Mantova è nella top ten italiana e la migliore della Lombardia. Reggio Calabria ha invece dovuto aspettare il 24 settembre, oltre due mesi dopo Trento. La media nazionale è invece il 10 agosto, dato che non ha subito variazioni tra il 2016 e il 2017.

Per il 2018, infine, l’Osservatorio prevede poche scosse rispetto all’andamento dello scorso anno in termini di graduatoria, ma stima un ulteriore incremento del Ttr (+0,2%).

mt

© Riproduzione riservata
Commenti