6 Commenti

Variante al Pgt, criticità sul
parcheggio di via Giordano
e sull'area di via Mantova

il progetto di parcheggio in via Giordano

Diverse criticità sono presenti nella Variante al Pgt di Cremona, recentemente adottata dal Consiglio Comunale di Cremona, dopo l’approvazione della Giunta. Ad evidenziarlo sono le osservazioni presentate dall’amministrazione provinciale di Cremona, che sebbene abbia dato parere favorevole ha anche evidenziato una serie di prescrizioni di un certo rilievo.

Come ad esempio la nuova strada di collegamento tra via Sacco Vanzetti e via Massarotti: un’aria “che risulta essere interessata dalla presenza di un’estesa superficie boscate e di aree della rete ecologica provinciale” e che quindi in fase di progettazione questo dovrebbe diventare un vincolo.

Altro punto critico è l’area posta in lato sinistro a via Mantova, destinata a “Infrastrutture e servizi alla mobilità”: “A tale proposito si ricorda che su parte dell’area è presente un bosco di compensazione realizzato dallo stesso Comune di Cremona” evidenzia la delibera provinciale “a compensazione di un bosco demolito”. Dunque la destinazione d’uso prevista dal comune per tale area “appare incompatibile con la reale destinazione dell’area, che dovrebbe essere riportata in Pgt come bosco di compensazione”.

Altro punto critico è quello del parcheggio a sud di via Giordano, in quanto “risulta essere all’interno dei confini del Parco Locale di Interesse Sovracomunale del Po e del Morbasco”. Questo è un problema in quanto “all’interno di un Plis, ai sensi della D.G.R. 6148/2007, sono ammesse solamente le seguenti aree: aree destinate all’agricoltura; aree di valore paesaggistico-ambientale ed ecologiche; aree non soggette a trasformazione urbanistica; aree destinate a verde, anche destinate alla fruizione pubblica, e i corridoi ecologici del piano dei servizi”.

Questo significa che se si dovesse effettivamente realizzare il parcheggio, dovrà essere previsto “lo stralcio dal perimetro del Plis”: modifiche che dovranno successivamente essere sottoposte nuovamente al parere provinciale.

L’area in questione inoltre, secondo l’amministrazione provinciale rientra “all’interno del vincolo paesaggistico di cui all’art. 142 comma 1 let. C dettato dalla presenza del corso del Morbasco” ed “è almeno in parte occupata da vegetazione legnosa ascrivibile a bosco, che rappresenta un importante corridoi ecologico”. Dunque “un eventuale intervento sull’area dovrà essere attentamente valutato e preceduto da una approfondita analisi ambientale e paesaggistica”.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Midnight

    Ero quasi persuaso che il Comune fosse in malafede riguardo la Variante al PGT. Invece è solo incompetenza.

    • Illuminatus

      Mista a supponenza.

  • Nicolini Gualtiero Walter

    Inutile commentare

  • Mario Rossi SV

    E’ un amministrazione green, metteranno cemento su cemento, ma lo verniceranno di verde…

    • Illuminatus

      Haha, come hanno fatto alla nuova rotonda di via del Sale!
      Cemento verde… ma l’Italia non era capitale del fashion, del buon gusto, e dell’estetica?

  • ciclo-pe

    Incompetenti, hanno disegnato un parcheggio in piena area Plis già alterata arrivando fino all’arginello del Morbasco notoriamente vincolato dal decreto Galasso. Per fortuna la Provincia se ne s’ accorta. Ma poi a cosa serve questo parcheggio? A portare nuove auto in via Giordano!