Commenta

Il saluto del questore: 'Lascio
una città tranquilla'. Adele
Belluso a capo dell'Anticrimine

Foto Francesco Sessa

Dal 3 settembre a dirigere la Questura di Cremona arriverà per la prima volta una donna: si tratta di Carla Melloni, parmigiana, in polizia da 33 anni. Sostituisce il collega Gaetano Bonaccorso, che a Cremona è stato gli ultimi tre anni. Prima di partire per Parma, dove sarà questore, Bonaccorso ha organizzato un incontro negli uffici di via dei Tribunali per salutare ufficialmente i cremonesi e la città. “Lascio una provincia tranquilla”, ha detto il questore, che ha tracciato un bilancio positivo del suo operato a Cremona. “Certo, non c’è mai da abbassare la guardia, serve un impegno costante per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica. Cremona è una città che va attenzionata rispetto a situazioni critiche che vanno crescendo, così come succede anche sull’intero territorio nazionale. La tranquillità che c’è, va mantenuta e difesa, e questo richiede sforzi”. “Di certo Cremona”, ha continuato il questore, “è una città che richiede impegno, e che dunque non mi ha fatto sentire la mancanza di lavoro rispetto ad altre realtà dove sono stato”. Bonaccorso, che dal 2 settembre sarà operativo a Parma, ha poi colto l’occasione per ringraziare la città, la comunità, le tante persone che hanno dato una mano e le istituzioni con le quali il rapporto è stato ottimo. “Hanno capito che in un periodo di allarmi importanti c’è bisogno di sforzi e di impegni anche di natura economica. Tutti hanno collaborato”. Un sentito ringraziamento, il questore, che ha ricordato alcune importanti operazioni portate a termine con successo dagli agenti della squadra mobile e della volante, lo ha fatto ai suoi uomini, “dalla professionalità elevatissima”.

L’incontro di oggi con la stampa è stato anche occasione per presentare il primo dirigente Adele Belluso, già capo dell’ufficio di gabinetto, tornata a Cremona con un nuovo grado dopo un’esperienza alla scuola di polizia di Piacenza. Sarà a capo della Divisione Anticrimine. “Considero Cremona la mia seconda casa”, ha detto la dirigente, che ha intenzione di proseguire nell’attività portata avanti dal suo predecessore Marco Mariconda. Lo stalking e le violenze di genere sono le tematiche particolarmente sentite dal primo dirigente Belluso, che ha sottolineato che la Questura è a disposizione della cittadinanza e delle fasce più deboli e vulnerabili.

Sara Pizzorni

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti