4 Commenti

Rave party illegale in un
capannone a Vescovato:
oltre 500 partecipanti

Rave party nella notte tra sabato e domenica tra Pieve Delmona e Vescovato, lungo la via Mantova, in un vecchio capannone abbandonato da una ditta fallita alcuni anni fa. Arrivati con camper, roulotte, auto, ma anche a piedi o in bicicletta, spesso spostandosi nei campi per non farsi vedere, centinaia di persone si sono radunate intorno alla una della notte, sebbene, almeno in base alle informazioni raccolte finora dagli investigatori, che sono accorsi sul posto, i lavori di preparazione della festa sarebbero iniziati già dal pomeriggio di sabato.

Il maxi raduno illegale a base di musica techno è proseguito per tutta la notte e si presume andrà avanti anche nella giornata di domenica. Sul posto, a presidiare la situazione, si sono alternate pattuglie della Questura e dei Carabinieri di Cremona, che hanno messo in sicurezza la strada d’accesso al capannone lungo la via Mantova, per evitare che potessero verificarsi incidenti.

Le Forze dell’Ordine hanno presidiato la situazione sin dall’inizio dell’assembramento, che si è svolto senza particolari incidenti, presidiando le principali vie che consentono l’accesso alla zona. Impegnate pattuglie dei Carabinieri di diverse stazioni del territorio.

Difficile avere una stima esatta del numero partecipanti, ma sì ipotizzano oltre 500 persone, provenienti da tutto il Nord Italia. Sul posto anche i Vigili del Fuoco di Cremona e gli operatori del 118, pronti a intervenire in caso di problematiche di sicurezza.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Graziano Ansaldi

    Mi sembra che la Cassazione abbia stabilito che i Rave party non siano illegali, a meno che non ci sia traffico di droga o accesso abusivo in terreno privato , comunque magari mi sbaglio.

  • Mirko

    Rave party abusivo in proprietà privata e nessuno sgombero o identificazione? Allibito è senza parole

  • Gianluca

    Chi paga il presidio delle forze dell’0rdine per 2 giorni di fila? Visto che hanno trovato i soldi per arrivare da zone anche distanti con auto, camper, moto, ecc ecc. si faccia pagare il disturbo una volta finita la “festa” (un 50 euro a cranio potrebbe essere già qualcosa).

    • Peter Ferrari

      Ma che 50€ ahaha stanno facendo il loro lavoro e basta, poi è lo stato che li paga, noi paghiamo le tasse, quindi paghiamo già gli sbirri… Si chiamano free party perché sono gratis, poi vecchio 50€ sono tantissimi stai scherzando vero? Gli spendi tu 50€ così a caso??? 😂😂