Commenta

Con il 'Kit delle feste', debutta
primo Patto di collaborazione
tra Comune e cittadini

Mercoledì 19 settembre, alle 16.15, al Parco Sartori di via dei Classici, sarà presentato il primo Patto di Collaborazione tra Amministrazione e cittadini con la realizzazione del progetto Kit delle feste. A questo importante risultato si è giunti grazie anche all’impegno di un gruppo informale di genitori della scuola infanzia Martiri della Libertà che, due anni fa, ha intrapreso un percorso di confronto sul tema infanzia e vivibilità e ha individuato nel Parco Sartori un’area di attenzione e investimento. In questa area verde i genitori dei bambini della scuola infanzia organizzano feste di compleanno per i propri figli ed è un parco che la scuola stessa vede come risorsa per le proprie attività didattiche: i bambini stessi la riconoscono come uno spazio di gioco sicuro e protetto, in poche parole un bene comune.

Da qui l’idea di promuovere la costruzione e la gestione di un Kit delle feste dei bambini, che sarà messo a disposizione dei genitori che vogliono organizzare le feste di compleanno al parco. Il kit è una dotazione di giochi, che le famiglie potranno utilizzare gratuitamente per animare le feste, depositata in una casetta di legno posizionata nell’area esterna della scuola infanzia. In questa occasione si potrà vedere la casetta, il kit dei giochi, ricevere informazioni e documentazione, ci saranno inoltre giochi con l’Associazione Polisportiva Corona e, alla fine, merenda per tutti.

Il Regolamento per l’amministrazione condivisa e la cura dei Beni Comuni è il risultato di un lungo percorso che ha visto un confronto ampio e partecipato con la cittadinanza (circa 80 i soggetti interessati) grazie alla collaborazione con referenti di Labsus, il Laboratorio per la sussidiarietà (Prof. Gregorio Arena, Dott. Rossana Caselli, responsabile Labsus Toscana, Dott. Francesca Santaniello, Dott. Elena Taverna).

Il testo del Regolamento è stato approvato dal Consiglio comunale il 28 febbraio scorso, ma nei mesi precedenti sono stati avviati diversi percorsi di confronto con i cittadini grazie alla sperimentazione legata al progetto, che si avvale del contributo della Fondazione Cariplo, Cittadinanza in movimento: sulla strada della partecipazione in collaborazione con il Settore Politiche Educative e in partenariato con molti soggetti del territorio quali Associazione ARYA, Il Laboratorio APS, Cooperativa Cosper, Polisportiva Corona, Associzione Amici di Robi, CrArt, Complesso Bandisitco Città di Cremona, ACLI Aval, Cooperativa Nazareth, Gruppo Acquisti Solidale, Comitato Soci Coop Lombardia, Comitato Genitori Istituto Comprensivo Cremona Due, Istituto Comprensivo Cremona Due e il Comitato di Quartiere 10 (Po – Parco – Canottieri – Trebbia).

© Riproduzione riservata
Commenti