5 Commenti

17enne rom arrestato per
rapina ringrazia i carabinieri:
'Mi avete evitato il matrimonio'

Foto di repertorio

Sarebbe dovuto partire per la Romania, insieme ai suoi genitori, per sposare una ragazza rom. Un matrimonio combinato, come da tradizione. Ma i Carabinieri lo hanno fermato e arrestato, per dare esecuzione ad un ordine della misura cautelare del collocamento in comunità, emesso lo scorso 3 agosto  dal Gip del Tribunale per i minorenni di Brescia per aver commesso una rapina, che era stata perpetrata a Cremona lo scorso 22 giugno. Il giovane aveva minacciato un 22enne, rubandogli un pacchetto di sigarette dopo averlo percosso.

Come ricostruito dai Carabinieri di Cremona, agli ordini del maggiore Rocco Papaleo, il 22enne, si trovava in compagnia di un amico, quando era stato avvicinato da tre individui di nazionalità rumena. Uno dei tre, che successivamente risultava essere il 17enne fermato, in realtà lo vessava da tempo con richieste ingiustificate, finalizzate ad ottenere da lui somme di denaro o sigarette, che in alcune occasioni non aveva esitato a prendere con la forza.

Il 22enne, dopo l’ultimo episodio, si è così deciso a raccontare tutto alle autorità, rivelando che il minorenne rumeno lo vessava ormai da tempo, circa un anno, e che tre o quattro mesi prima gli aveva rotto un dente picchiandolo e colpendolo con un pugno e delle sberle.

La Procura della Repubblica per i minori di Brescia valutati gli esiti degli accertamenti svolti dai militari e i precedenti di polizia, proprio per episodi simili a carico del 17enne, commessi tutti a Cremona tra il 2015 e quest’anno, ha quindi chiesto e ottenuto la misura cautelare.

Quando i militari hanno rintracciato il 17enne, in partenza per andare a sposarsi, la madre, una nomade 30enne, ha chiesto ai militari di rimandare l’arresto al fine di consentire al figlio di raggiungere la promessa sposa, una 13enne della stessa etnia, individuata dalle rispettive famiglie per unire i due giovani in matrimonio, secondo il rito della loro comunità.

Al disappunto della madre si è invece accompagnato un atteggiamento positivo da parte dello stesso arrestato, che ha addirittura ringraziato i Carabinieri per avergli evitato un matrimonio che non voleva.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • franz kapp

    In questa vicenda, tutta da verificare, se c’è qualcuno che debba ringraziare i carabinieri, è la ragazzina tredicenne.

  • Mario Rossi SV

    Mah…

  • Rosso Verdi

    Un edificante quadretto della “cultura” rom, tanto cara a una certa parte politica …

  • Lidans

    figliolo modello avuto da mamma tredicenne … no comment

  • luciano1956

    che schifezza di risorse, salvini lavora duro!