Commenta

Dal 2 ottobre al 15
dicembre torna la rassegna
'Degustando Stradivari'

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la rassegna gastronomica autunnale ‘Degustando Stradivari’, che vuole valorizzare la stagione d’oro della liuteria cremonese, quella di Stradivari, attraverso la gastronomia dell’epoca, con carni, intingoli e ingredienti rivisitati dagli chef o addirittura del tutto nuovi per il palato contemporaneo.

Sono 18 i ristoranti del territorio cremonese, inseriti nel circuito East Lombardy, che anche quest’anno si cimentano intorno a questa originale rassegna, organizzata in occasione del prestigioso concorso Triennale degli strumenti ad arco, e presentata nella mattina di martedì nella Sala della Giunta di Palazzo Comunale.

Erano presenti Barabara Manfredini, Assessore con delega al Commercio e Turismo del Comune di Cremona, Carla Bertinelli Spotti, Ambasciatrice di Cremona per East Lombardy, affiancate da Paola Milo, responsabile del Servizio Promozione, Informazione e Accoglienza Turistica del Comune di Cremona, e una rappresentanza dei ristoratori che aderiscono all’iniziativa: Marina Morelli dell’Hosteria 700 (Cremona), Renata Barilli dell’Agriturismo Cascina Valentino (Pizzighettone), Carlo Bertolotti del locale Tacabanda (Cremona), Silvia e Vincenzo Toscano dell’Osteria Cittadella (Cremona), Mario Barbieri di Ca’ Barbieri di Levata (Grontardo), Simone Fornasari e Umberto Queirolo del Lido Ariston Sales (Brancere di Stango Lombardo). E’ intervenuto inoltre Stefano Ricci, della Steel Color, main sponsor dell’inizitiva.

I ristoranti che si stanno preparando per dar vita a piatti della tradizione gastronomica dell’epoca proporranno diciotto diverse ricette per altrettanti menù da gustare fuori casa e da ricreare anche in cucina: questo sarà possibile grazie a un prezioso ricettario con indicazioni su procedimenti, citazioni e rimandi. Il ricettario, disponibile nei ristoranti e distribuito anche all’Infopoint di piazza del Comune, permetterà inoltre di partecipare ad uno speciale concorso: raccogliendo i timbri nei diversi locali che aderiscono all’iniziativa, si potranno vincere cene, ingressi ad uno dei musei civici e al Museo del Violino, nonché tanti gadget messi in palio proprio dall’Infopoint.

L’iniziativa prenderà il via il 2 ottobre prossimo con l’evento di apertura A cena col maestro. Allestita a Palazzo Comunale, la serata ospiterà sei chef della rassegna (Locanda degli Artisti, Hosteria 700, Dordoni, Kuccagna, Via Vai e Ridottino), accompagnati dalla pasticceria Dossena di Crema, per offrire una degustazione sul tema.

All’evento, cui si accederà per invito, sarà possibile partecipare anche giocando sui social con la challenge DegustandoStradivari: fra tutti quelli che avranno postato sulla pagina Facebook o sul profilo Istagram di Cremona Infopoint foto ispirate al connubio tra musica e cibo, hashtag #Cremonacongusto, verranno infatti estratti inviti alla degustazione che si terrà in Comune.

La gastronomia si conferma un elemento di grande interesse per i turisti che visitano la nostra città, spinti magari da altre ragioni, principalmente l’interesse per musica e liuteria”, commenta al riguardo l’Assessore con delega al Turismo Barbara Manfredini, che aggiunge: “Per questo anche Regione Lombardia sostiene concretamente i nostri progetti con azioni specifiche come Wonderfood, il bando che contiene #Cremonacongusto, il progetto integrato di cui questa rassegna fa parte e di cui il Comune di Cremona è il capofila”.

I 18 ristoranti che danno vita alla rassegna sono:
Hosteria 700 (Cremona)
Ristorante Dordoni(Cremona)
Tacabanda (Cremona)
Osteria Cittadella (Cremona)
Osteria Melograno (Cremona)
Agriturismo Cascina Valentino (Pizzighettone)
Bistek (Trescore Cremasco)
Il Poeta Contadino (Casalbuttano)
Il Ridottino (Crema)
La Kuccagna (Dovera)
Trattoria Tre Rose (Località Le valli Castelleone)
Trattoria Via Vai (Bolzone Ripalta Cremasca)
Ca’ Barbieri di Levata (Grontardo)
Caffè la Crepa (Isola Dovarese)
Il Mappamondo (Vescovato)
Lido Ariston Sales (Brancere di Stagno Lombardo)
Locanda Degli Artisti (Cappella de’ Picenardi)
Palazzo Quaranta (Isola Dovarese)

© Riproduzione riservata
Commenti