2 Commenti

Ultima partita pre campionato
per la Vanoli contro
la Grissin Bon R.Emilia

Dopo il successo riportato nel memorial “Alphonso Ford” a Pesaro contro la locale Vuelle, la Vanoli Cremona si appresta ad affrontare l’ultima amichevole pre-campionato. I biancoazzurri saranno di scena sabato (inizio ore 20) a Sant’Ilario d’Enza contro la Grissin Bon Reggio Emilia. Il match, che inizialmente era programmato a Scandiano, è stato spostato a causa di problemi tecnici del PalaRegnani. I biancorossi allenati da Devis Cagnardi hanno modificato parecchio il roster. Amedeo Della Valle è passato all’Armani Milano ed hanno lasciato l’Emilia anche Julian e Chris Wright, Garret Nevels, Jalen Reynolds. Sono stati ingaggiati l’ex Vanoli  Raphael Gaspardo (da Pistoia), Eric Griffin dall’ Hapoel Eilat, Ricky Ledo dal Vaqueros de Bayamón. La guardia americana Spencer Butterfield. Sono rimasti dalla passata stagione  Federico Mussini, Leonardo Candi, Niccolò De Vico, Pedro Llompart. I reggiani, senza gli infortunati Llompart e Gaspardo, vicini al rientro ma non ancora pronti, e De Vico, tenuto precauzionalmente ai box per un leggero affaticamento si sono imposti lo scorso week-end nel confronto esterno a Pistoia. Anche per essi si tratta dell’ultimo impegno prima dell’inizio delle ostilità del campionato. Sarà una partita avvincente in cui le due compagini dovranno verificare l’effettivo grado di potenzialità per poi affinare gli schemi tattici offensivi e difensivi negli ultimi giorni che separano dallo start  del 6-7 ottobre.

Marco Ravara

La tifoseria Cuore Bianco Blu organizza la trasferta del 6 ottobre a Trento, prima partita della stagione per la Vanoli, palla a due ore 20.30. La partenza è fissata dal Palaradi alle ore 17. Il costo sarà di 20 euro tutto compreso. Sul pullman previste interessanti sorprese. Per info e adesioni chiamare Giovanna Visioli al n. 329/7738574.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    dai che tra un po’ si inizia

    • Orto

      Meno male che c’è Mencia a commentare lo sport. Sennò qua si finisce sempre a parlare di ciclabili ed immigrati.