Commenta

Denunciano di essere
stati rapinati ma è una finta:
due cremonesi denunciati

Per poter giustificare agli occhi dei famigliari, i segni riportati nel corso di una colluttazione in cui erano rimasti coinvolti ed anche il contestuale consumo di sostanze stupefacenti, due giovani cremonesi avevano denunciato di essere stati rapinati. I ragazzi, un 27enne disoccupato e un 28enne cameriere, entrambi di Cremona, si erano recati presso la Caserma “S. Lucia” di viale Trento e Trieste la mattina del 14 settembre scorso, denunciando che attorno alle cinque della mattina, tornando da una discoteca, erano stati avvicinati da tre soggetti probabilmente albanesi all’altezza di piazza Lodi.

Secondo quanto riportato nella denuncia i tre armati di taglierino, avrebbero intimato loro di consegnare il denaro, ma poi cambiando idea si sarebbero dati alla fuga verso via Carlo Speranza, dopo una colluttazione nel corso della quale, uno dei denuncianti aveva riportato un piccolo taglio al petto, che era stato giudicato guaribile in 10 giorni., mentre l’altro aveva riportato vari graffi al braccio destro, giudicati guaribili in 5 giorni.

Tuttavia, al termine dell’attività di indagine e degli accertamenti fatti dai Carabinieri, agli ordini del maggiore Rocco Papaleo, ma anche attraverso la visualizzazione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona, è emerso che nelle circostanze denunciate non era stato immortalato alcun terzetto o soggetto sospetto, né in piazza Lodi né nelle vie limitrofe.

A questo punto i Carabinieri, dopo aver nuovamente interrogato le presunte vittime, rilevando numerose incongruenze tra i racconti dei due, li hanno denunciati per simulazione di reato. Gli accertamenti hanno consentito infatti di appurare che la rapina in piazza Lodi era stata inventata di sana pianta per poter giustificare  nei confronti di alcuni famigliari, i segni riportati nel corso di una colluttazione in cui erano rimasti precedentemente coinvolti ed un contestuale consumo di sostanze stupefacenti nel corso di una festa privata tenutasi in una cascina della provincia.

 

© Riproduzione riservata
Commenti