Un commento

Mercoledì 17 ottobre
Oscar Farinetti si svela
a Cremona Fiere

Un viaggio alla scoperta di una storia imprenditoriale di successo, fatta di passione e creatività: a Cremona la prossima tappa del tour sul territorio di Mediolanum Corporate University (MCU) con Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, il primo supermercato al mondo dedicato interamente a cibo di qualità, con sedi anche a Tokyo e a New York. Farinetti, piemontese di Alba classe 1954, è figlio del partigiano, politico ed imprenditore Paolo ed ha contribuito allo sviluppo della catena di elettrodomestici e tecnologia Unieuro prima di venderla e con il ricavato fondare nel 2004 proprio Eataly.

L’appuntamento è per mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30 presso Cremona Fiere. L’evento si inserisce nel programma “Centodieci è Ispirazione”, il ciclo di incontri che l’istituto educativo di Banca Mediolanum dedica alla propria community con l’intento di favorire il contatto diretto con personalità che incarnano modelli d’eccellenza in diversi settori professionali. “Le idee vivono nei loro testimoni, in coloro che le sviluppano con passione e che si identificano in esse”. E’ questo il motto con cui MCU sceglie i propri testimonial, in quanto esempi a cui riferirsi: con il loro entusiasmo hanno reso possibili nuovi percorsi, permettendo alla Società di raggiungere inediti traguardi. Con questo spirito MCU  si dice “lieta di incontrare e intervistare” l’imprenditore Oscar Farinetti, alla scoperta di spunti e consigli interessanti per creare e gestire un’attività di successo. Lo spettacolo è gratuito previa prenotazione all’indirizzo www.centodieci.it.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • giorgino carnevali

    IL BICCHIERE DELLA STAFFA.
    Come avrebbe potuto sottrarsi il buon Oscar al bicchiere della staffa? L’ultimo che si beve prima di congedarsi dagli amici? Ah!…come la sanno lunga quei figli dei partigiani! Ci sarò, eccome, sempre se mi riesce di trovare il biglietto d’ingresso (invito). Che personaggio quel personaggio il cui occhio ti si illumina e quella disinvoltura discreta che è la grazia suprema dell’intelligenza!