Commenta

Padania Acque, meeting
con gestori pubblici europei
per il futuro dell'acqua

Oggi e domani, giovedì 25 e venerdì 26 ottobre, Cremona e Padania Acque hanno l’onore di ospitare i rappresentanti europei delle aziende pubbliche dell’acqua, guidati dalla presidente di Aqua Publica Europea (APE) e vicesindaco di Parigi Célia Blauel. Nella storica location di palazzo comunale, in queste ore sono in corso due importanti riunioni che precedono l’importante convegno che domani mattina si terrà nell’ambito della Water Technology and Environmental Control Exhibition & Conference (WATEC), la fiera internazionale dedicata ai professionisti dell’acqua.

Si stanno infatti svolgendo contemporaneamente il board meeting di Aqua Publica Europea, presso sala della Consulta, e il consiglio dei Presidenti delle 8 società del gruppo Water Alliance, di cui fanno parte Gruppo CAP, BrianzAcque, Uniacque, Padania Acque, Lario Reti Holding, SAL, Pavia Acque e Secam, presso sala Giunta. Molti i temi trattati dai vertici delle società europee: dallo sviluppo agli investimenti del settore idrico, dalla nuova direttiva acqua potabile in fase di approvazione da parte della Commissione europea al regolamento di riutilizzo dell’acqua.

Parallelamente, i presidenti delle aziende di Water Alliance si sono riuniti per pianificare le prossime attività nell’ottica della “condivisione delle migliori pratiche e per mettere in campo sinergie gestionali e operative verso il miglioramento della qualità e dell’efficienza del servizio erogato”. All’ordine del giorno la condivisione di strategie e obiettivi: nuovi interventi di efficientamento energetico, l’implementazione della “rete per le emergenze”, per gestire e affrontare al meglio eventuali situazioni di crisi, lo sviluppo dei sistemi di gestione della qualità dei laboratori.

Domani dalle 9.30 alle 13.30 presso la sala ‘Smart Agriculture’ situata nel padiglione 1 Watec Italy 2018 di CremonaFiere, Aqua Publica Europea, Water Alliance e Viveracqua (gestori idrici del veneto) proporranno un convegno di approfondimento per discutere le implicazioni della futura legislazione italiana ed europea sull’acqua. Al seminario parteciperanno relatori qualificati che si alterneranno in due tavole rotonde per condividere le loro prospettive: una discussione sul quadro europeo, con una relazione introduttiva di Veronica Manfredi, direttrice del Dipartimento Ambiente della Commissione europea; una panoramica delle esperienze nazionali, con gli interventi introduttivi dell’on. Federica Daga (in videoconferenza) responsabile della nuova legge italiana sull’acqua e dell’on. Chiara Braga, membro della Commissione parlamentare Ambiente.

© Riproduzione riservata
Commenti