Commenta

Premi Spaseta:
assegnati gli 'Oscar'
del ciclismo cremonese

foto Sessa

I “Premi “Spaseta”, ovvero gli ‘Oscar’ del ciclismo cremonese, organizzati dagli appassionati Alamo e Luigi Gagliardi hanno tagliato questa mattina, domenica 11 novembre, il traguardo delle 40 edizioni. L’evento di assoluto prestigio, ritenuto da sempre una tappa cruciale ed imperdibile del ciclismo cremonese, è stato festeggiato alla grande presso il salone Balzarini nel Centro Sportivo Stradivari in via Milano.

Riconoscimenti ai vincitori delle quattro categorie Esordienti: 1° anno Matteo Visioli (società Gioca In Bici Oglio Po Casalmaggiore) e 2° anno Manuel Mosconi (Madignanese) che ha fatto il bis essendosi affermato anche lo scorso anno. Per gli allievi premiati Samuel Quaranta , figlio d’arte di Ivan Quaranta, del pedale Senaghese Milano, campione italiano della velocità a squadre e campione regionale di categoria; per gli juniores il cremonese Diego Bosini (Team Gavardo), assente in quanto in vacanza, campione regionale, vice campione italiano e quarto ai mondiali su pista nell’inseguimento a squadre. Per i dilettanti il soncinese Jalel Duranti ( Petroli Firenze-Maserati) medaglia d’oro ai giochi del Mediterraneo e cinque successi su strada in stagione. Il premio speciale in memoria di GianPietro Tambani è stato attribuito al giovane promettente Gabriele Coloberti di Romanengo.

Per il settore femminile le nostre favolose interpreti Miriam Vece (team Valcar) nel 2018 campionessa italiana velocità pista Elite, campionessa europea 500 metri e mondiale velocità individuale Under 23, assente perché impegnata con la nazionale; Marta Cavalli (team Valcar) campionessa europea e mondiale su pista nell’inseguimento individuale ed a squadre e campionessa italiana su strada. Questa ha donato a Lugi “Spaseta” Gagliardi la maglia tricolore di campionessa italiana da lei autografata. L’altra azzurra della pista Elena Bissolati vuole riscattarsi e mostrare ancora il suo alto potenziale per risalire immediatamente le classifiche della pista.

La mattinata, dopo il saluto del presidente della Stradivari Rosario Marchelli,  è stata condotta da Alberto Rigamonti affiancato da miss Mara Gagliardi. Assenti per impegni improvvisi le stelle del ciclismo italiano ed internazionale Mario Cipollini, re delle volate negli anni novanta ed inizio duemila, campione mondiale a Zolder (Bel) nel 2002 e Gianni Bugno campione del mondo nel 1991 a Stoccarda e 1992 a Benidorm.

Hanno partecipato alla premiazione il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, il presidente del comitato provinciale di Cremona Antonio Pegoiani, Marco Villa commissario tecnico nazionale per la pista ed il presidente regionale federciclismo Cordiano Dagnoni, in consigliere nazionale Corrado Lodi; Giovanni Radi e Luigi Torresani per il Panathlon e Adriano Baffi (ds della società Team Leopard-Trek di World Tour) ed Ivan Quaranta ds della Colpak della categoria Continental. In sala anche i giovani atleti delle società cremonesi Uc Cremasca, Imbalplast Soncino, CC Cremonese 1891 Gruppo Arvedi, Madignanese, Gioca In Bici Oglio Po Casalmaggiore e K3 Triathlon.

Marco Ravara

Foto Sessa

© Riproduzione riservata
Commenti