Ultim'ora
Commenta

Ex allievi orfanotrofio
Festeggiato il 94esimo
della 'Lazzaro Chiappari'

Domenica 11 novembre gli ex allievi dell’Orfanotrofio hanno commemorato i 94 anni di vita della loro Associazione “Lazzaro Chiappari” nel salone del Consiglio della Fondazione Città di Cremona vivacizzato dagli acquarelli della mostra di Anselmo Bucci. Come da tradizione, l’incontro ha rappresentato sia il momento della celebrazione dell’anniversario, sia un dialogo aperto con i rappresentati delle istituzioni circa i temi sociali perseguiti dal sodalizio tramite il volontariato, quali: solidarietà, sostegno e amicizia nei confronti del bisogno. Presenti, assieme ai soci, autorità cittadine civili e militari, personalità divenute “amiche” dell’associazione, i giovani ospiti delle Comunità per minori del Comune di Cremona con i loro educatori, e quindi le delegazioni delle associazioni consimili di Milano, ex Martinitt e ex Stelline, e di Vercelli, ex Ciudin.

Nel corso della manifestazione, aperta dal vicepresidente Fiorenzo Bassi, il presidente Arnaldo Scazzoli evidenziando l’unicità dello spirito che alimenta i Soci ex Allievi derivante dall’esperienza di vita, ha ricordato come l’opera di aiuto ai ragazzi ed agli “ex” allievi in difficoltà stia proseguendo. Opera perseguita adattandosi alle necessità emergenti fin da 1924 anno di fondazione, che ebbe elemento aggregante la posa di una lapide riportante i nomi degli Ex Allievi caduti nella guerra 1915-18 di cui ricorre quest’anno il centenario della fine.

La Vice Sindaco Maura Ruggeri ha espresso il suo elogio per l’attività dell’associazione, vista come parte attiva del Welfare cittadino in stretta collaborazione con Fondazione Città di Cremona azione della quale la città deve essere orgogliosa per gli importanti risultati a favore di anziani, minori, e in generale di chi si trova in situazioni di difficoltà. In questa fase storica in cui individualismo prevale anche tra i giovani, “voi siete testimonianza del valore della solidarietà, un bene più che mai da tutelare”.

La Presidente della Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli ha sottolineato innanzitutto il legame dell’Ente alla Lazzaro Chiappari, con la quale vengono portate avanti anche iniziative di interesse comune considerando per questo i soci dell’associazione come “amici della fondazione”. Con l’esposizione poi dei progetti in atto rivolti al potenziamento del welfare cittadino, ha evidenziato come questo risulti possibile grazie ai lasciti passati ma anche di quelli recenti (Raspagliesi, Somenzi) merito della generosità della città.

Hanno chiuso gli intervenuti il Presidente degli ex Ciudin di Vercelli e il Segretario degli Ex Martinit di Milano. Alla giornata hanno preso parte anche il sindaco Gianluca Galimberti, la presidente del Consiglio Comunale Simona Pasquali e l’assessore alla Trasparenza e Vivibilità Sociale Rosita Viola. Nel corso dell’evento, come da tradizione, sono stati consegnati gli attestati di fedeltà all’associazione a due soci, oltre ad un riconoscimento a mons.Soldi, assurto a “Socio Amico”, per la disponibilità sempre offerta al Sodalizio. Attestati di natura economica, individuali e di gruppo, sono stati conferiti agli ospiti delle comunità, quali riconoscimenti per i risultati di crescita o come incentivi per i percorsi formativi in essere e per contribuire a realizzare educative iniziative. Un riconoscimento anche all’operatore educativo Federico Paroli della cooperativa Sentiero che da 19 anni svolge il proprio servizio presso le Comunità per i minori del Comune.

La giornata era iniziata con la Messa in suffragio dei defunti officiata nella vicina chiesa di S.Siro, proseguita poi con la posa di una corona di alloro alla lapide, posta nell’androne di ingresso del Palazzo della Carità, riportante il nome degli ex Allievi Caduti nelle due grandi guerre del secolo scorso. Un partecipato pranzo sociale ha concluso la giornata di festa.

© Riproduzione riservata
Commenti