Commenta

Sport Management replica
alle polemiche: 'Aumentati
accessi e gradimento'

In seguito all’incontro svoltosi mercoledì pomeriggio in commissione vigilanza, Sport Management vuole precisare alcune cose relative all’utilizzo degli impianti, in modo da “mettere definitivamente a tacere critiche che nulla hanno a che fare con il nostro operato” scrive la società, che ha in gestione l’impianto natatorio, in una nota”.

Innanzitutto per quanto riguarda le associazioni, “Sport Management conferma di avere rispettato pienamente gli orari previsti dal bando gara e di aver inoltre concesso 25 ore in più rispetto a quanto dovuto dal capitolato”. In merito alla questione del badge di ingresso alla piscina, la società “ritiene che sia uno strumento funzionale per l’identificazione degli utenti e per la gestione dell’impianto. Per venire incontro alle realtà locali inoltre e come promesso durante la riunione per l’assegnazione degli spazi acqua alle società cremonesi è stato garantito uno sconto sul costo di 5 euro del badge d’ingresso”.

Sul tema delle tanto contestate visite mediche, Sport Management assicura di seguire “le linee guida del Coni e del Ministero della Salute, oltre a quelle del buon senso che invitano tutti i praticanti alle attività sportiva a sottoporsi alla visita medica. Le visite mediche, lo ricordiamo, possono essere effettuate sia in impianto sia all’esterno in altra struttura abilitata a totale scelta e discrezione della clientela”.

La società chiarisce anche i aver “spiegato più volte quali sono i costi non espressi nel capitolato, perché vengono pagati, cosa sono e a cosa servono e anche che per andare incontro ai clienti, “alle 11 del prossimo 22 dicembre presso l’impianto, in accordo con quanto evidenziato dal capitolato d’appalto, è stato organizzato un incontro aperto al pubblico con gli utenti dell’impianto per fornire eventuali ulteriori delucidazioni. Saremo lieti di invitare a tale incontro anche i rappresentati del Comune di Cremona”.

“La nostra azienda ha regolarmente partecipato e vinto un bando gara per la gestione dell’impianto e la ristrutturazione considerevole dello stesso” commenta ancora l’azienda. “Sugli organi d’informazione è stato sottolineato che i nostri rappresentati si siano presentati in ritardo in commissione: un ritardo motivato e del quale era stato inoltrato un avviso agli organi competenti (il tutto è documentabile). Non viene invece fatta menzione del fatto, ad esempio, che chi si sia lamentato del ritardo dei nostri rappresentanti abbia poi lasciato la riunione alle ore 19.30, quindi ben prima dell’effettivo orario di chiusura dei lavori. Ci chiediamo infine se una Commissione di Vigilanza organizzata come quella di mercoledì sia un reale momento di condivisione: 2 ore circa di domande a raffica senza poter avere la possibilità di rispondere se non alla fine delle stesse e in un tempo ovviamente molto limitato e quando parecchie persone avevano già abbandonato l’incontro.

Viste tutte le precisazioni di cui sopra siamo pertanto a rimarcare come Sport Management sia la società che gestisce l’impianto e non vorremmo essere più coinvolti in polemiche politiche strumentali che nulla hanno a che fare con l’operato della nostra azienda. Noi rispettiamo il capitolato d’appalto e soprattutto respingiamo le sterili polemiche con dei dati che sono oggettivi: gli ingressi a ottobre 2018 sono stati 5209 un aumento del +62,5% rispetto allo stesso mese del 2016 quando c’era ancora la vecchia gestione (un incremento di +2004 ingressi nel solo mese di ottobre), e del +37,5% rispetto a ottobre 2017 (+1422 utenti unici). Dati che testimoniano – in maniera inequivocabile – il gradimento degli utenti di Cremona relativamente al nostro operato nell’ultimo anno (Sport Management gestisce la piscina di Cremona da novembre 2017). Come azienda dunque non saremo più propensi ad accettare critiche diffamatorie e per nulla costruttive mentre saremo sempre pronti ad ascoltare i suggerimenti e le idee che ci saranno sottoposte dai nostri clienti che, come noi, hanno a cuore l’impianto di Cremona e che lo utilizzano quotidianamente”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti