Commenta

Aperitivo con l'opera: il 2
dicembre incontro per ultimo
appuntamento della stagione

Ultimo appuntamento con Aperitivo con l’Opera 2018 previsto domenica 2 dicembre (ore 11 – Ridotto del Teatro) con l’incontro dedicato a La voix humanine di F. Poulenc e Cavalleria Rusticana di P. Mascagni. Curiosità musicali e dell’allestimento, che andrà in scena il 6 dicembre (in replica l’8 dicembre), verranno svelate dal musicologo Nicolò Rizzi. Al termine dell’incontro sarà servito un aperitivo a tutti gli intervenuti offerto da: Auricchio, Pasticceria Maristella, Witor’s e Caffè del Teatro.

LE OPERE – Una donna è sola nella sua stanza. Squilla il telefono: è lui. Il colloquio telefonico, spesso interrotto, ma sempre ripreso perché nessuno dei due amanti trova il coraggio di dire la parola fine. Circa cinquanta minuti tra tenerezze e rancori, rimpianti, menzogne e verità. Sentiamo solo la voce della donna, mentre la presenza dell’amante all’altro capo del filo è suggerita dai silenzi e dalle pause. La drammatica conclusione è scontata: stringendo fra le braccia il telefono, esiguo filo che la lega all’amato, la donna esausta si butta sul letto scongiurando l’amante di troncare il disperato colloquio: «Forza, taglia svelto! Ti amo, ti amo…» E su queste parole cala il sipario.Questa è La Voix Humaine, definita dal suo autore tragédie lyrique , opera in atto unico del compositore francese Francis Poulenc . La voce umana, Elle per eccellenza, sarà Anna Caterina Antonacci.

Il 17 maggio del 1890 il Teatro Costanzi di Roma registra il grandissimo successo di Cavalleria Rusticana, opera in atto unico, nonché debutto assoluto del compositore livornese Pietro Mascagni. Si trattava del lavoro vincitore di un concorso dedicato a giovani compositori e organizzato dall’editore milanese Edoardo Sonzogno due anni prima del debutto romano.

La regia sarà affidata a Emma Dante che riprenderà il lavoro svolto al Comunale di Bologna nella scorsa stagione lirica, riportando l’allestimento bianco/nero che ha tanto caratterizzato questi due titoli, apparentemente molto diversi fra loro. Sul podio salirà Francesco Cilluffo, bacchetta ormai nota al nostro pubblico per aver diretto A Midsummer Night’s Dream nella nostra stagione del 2016.

© Riproduzione riservata
Commenti