Commenta

Grazie al torrone si
rafforza la dolce intesa
tra Cremona e Caltanissetta

Ospite della Festa del Torrone svoltasi a Cremona nel novembre scorso, la città di Caltanissetta ha ricambiato l’invito per la sua Festa del Torrone, denominata Turruni, svoltasi dal 14 al 16 dicembre. A rappresentare la nostra città c’era l’Assessore con delega al Turismo Barbara Manfredini che, venerdì 15 dicembre, insieme al sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, ha partecipato al taglio del nastro che ha inaugurato ufficialmente la manifestazione. Per quanto riguarda i produttori di torrone cremonese da segnalare la presenza di Sperlari e Rivoltini (dell’omonima ditta di Vescovato è intervenuto Christian Rivoltini).

Grazie a Turruni, organizzato quest’anno da SGP Eventi di Stefano Pellicciradi, il centro storico di Caltanissetta è stato protagonista di degustazioni, approfondimenti tematici e appuntamenti culturali tutti dedicati al torrone che proprio nel capoluogo nisseno trova la sua migliore espressione regionale. Sono state così celebrate tutte le espressioni italiane del dolce ed è stato possibile acquistare e degustare torroni siciliani, calabresi, lombardi, irpini e tanti dolci, tra musiche, animazioni, eventi culturali, show cooking, degustazioni e una maxi scultura di torrone raffigurante l’Italia.

Dove è nato il torrone? A Cremona o a Caltanissetta? Sabato 15 dicembre, al pomeriggio, nell’aula consiliare del Comune di Caltanissetta, durante un insolito processo al torrone, esperti della gastronomia e personaggi illustri hanno interpretato il ruolo di giudici, testimoni e avvocati per discutere le origini del celebre dolce. E’ stata così illustrata la storia del torrone cremonese e di quello nisseno: un bella disfida che si è risolta con una piena assoluzione di questo dolce prelibato. All’assessore Barbara Manfredini il compito di presentare la città di Cremona, il suo territorio e la Festa del Torrone cremonese che da diversi anni, nel mese di novembre, rinnovandosi ogni volta, anima il centro storico e accoglie un numero sempre più considerevole di visitatori.

“Sia la città di Cremona che quella di Caltanisetta vantano una comune tradizione legata al torrone – dichiara l’Assessore Barbara Manfredini – ma anche un legame storico e culturale attraverso la figura di Sofonisba Anguissola, pittrice nata a Cremona che è poi andata in sposa a Fabrizio Moncada dei conti di Caltanisetta e principi di Paternò. Per questo le due città hanno stretto una collaborazione per mettere in campo una serie di azioni finalizzate alla conoscenza reciproca, alla valorizzazione del torrone e alla promozione socio economica, culturale e turistica dei rispettivi territori”.

Grazie all’accordo tra Cremona e Caltanissetta, sottoscritto lo scorso anno nel capoluogo nisseno, l’organizzazione della Festa del Torrone nelle due città si conferma dunque come momento di promozione del prodotto nelle sue diverse varietà, di ospitalità di produttori di torrone, di prodotti inerenti la sua produzione e delle sue materie prime.

© Riproduzione riservata
Commenti