Cronaca
Commenta

Ritardo nella consegna delle bollette dei pozzi privati: proroga fino al 21 gennaio

Padania Acque ha annunciato, attraverso un comunicato stampa, la decisione di posticipare a lunedì 21 gennaio 2019 il pagamento delle bollette relative al consumo d’acqua prelevata dai pozzi privati e poi raccolta nella rete fognaria. Il posticipo della scadenza si è reso necessario a causa di un ritardo postale nei recapiti delle fatture. “Ricordiamo ai nostri clienti – si legge – che, a partire dal 2014, Padania Acque è divenuta titolare della gestione degli scarichi fognari di cui usufruiscono molti proprietari di pozzi privati. Ciò significa che Padania Acque ha il compito di raccogliere le acque usate dai cittadini, dopo che sono state prelevate dai pozzi privati, convogliarle al depuratore e restituirle pulite all’ambiente”.

Le bollette recapitate agli utenti riguardano, nello specifico, l’utilizzo del servizio di fognatura e depurazione offerto da Padania Acque durante il biennio 2014-2015. Per molti clienti, si tratta del primo recapito da parte della società, dato che il servizio, prima di questo biennio, era in capo alle amministrazioni comunali.  Per eventuali informazioni, Padania Acque invita i cittadini a rivolgersi direttamente agli sportelli del gestore (senza quindi contattare gli uffici comunali) o ai punti d’informazione di Padania Acque presenti sul territorio. In alternativa è possibile contattare la scoeità al numero verde gratuito 800.710711 o inviando una e-mail a pozziprivati@padania-acque.it.

“Invitiamo – aggiunge Padania Acque – i proprietari di pozzi privati non allacciati alla fognatura ai quali fosse stata comunque recapitata la bolletta, a inviare un’opportuna segnalazione a Padania Acque, che provvederà allo storno dell’importo in bolletta. Ricordiamo la possibilità, su richiesta, di rateizzare l’importo. Infine, avvisiamo i clienti che la fatturazione del biennio 2016-2017 avverrà nel corso del 2019, mentre quella relativa ai consumi del 2018-2019 verrà effettuata nel 2020”.

© Riproduzione riservata
Commenti