Un commento

Vanoli, ostacolo Torino: col
cambio di coach la Fiat tenta
la rincorsa alla Coppa Italia

La Vanoli Cremona si è riscattata prontamente dalla sconfitta casalinga contro Brescia cogliendo un’importante vittoria a Brindisi che le ha fatto ipotecare l’accesso alle final eight di Coppa Italia. I biancazzuri non devono sentirsi appagati, ma continuare ad intascare punti preziosi per mettersi definitivamente al riparo dalla retrocessione per poi dedicarsi alla corsa play-off. Domenica al PalaRadi alle 19.05 arriva L’Auxilium Fiat Torino. La sconfitta interna di domenica scorsa contro Avellino ha visto interrompersi per i piemontesi un processo di crescita che stava durando da qualche giornata e che li ha portati a ridosso dell’ottavo posto in graduatoria, utile per accedere alla Coppa Italia, trofeo vinto nella scorsa stagione. Ora pur essendo ancora in corsa per questo traguardo, devono al tempo stesso guardarsi alle spalle visto che hanno soltanto due punti di vantaggio sull’ultimo posto occupato da Cantù. Torino, inoltre, ha disputato la prima fase dell’Europ Cup non riuscendo ad ottenere nessun successo e quindi a non accedere alla seconda fase.

Nel match del PalaRadi non ci sarà più sulla panchina il mitico coach Larry Brown esonerato dopo 24 partite complessive tra campionato e Coppa con solo 5 vittorie all’attivo. Al suo posto è arrivato Paolo Galbiati che gode del sostegno della tifoseria. Galbiati confida di avere il roster al completo (ad eccezione di Tekele Cotton ancora in fase di recupero) forte anche del capitano Peppe Poeta, che sembra aver recuperato al meglio dall’infortunio alla schiena. Particolarmente temibili sono anche Wilson, Carr, Hobson, McAdoo, Moore, Jaiteh, Delfino nonché gli ex Vanoli Cusin e Portannese. Torino cercherà di contrastare il più possibile Diener e compagni in ogni fase del gioco conoscendo la loro forza. La Fiat ha lavorato molto in palestra per migliorare in quegli aspetti che ancora non sono in linea con le attese, ovvero la difesa, i rimbalzi e i possessi. Ogni palla è determinante e bisogna giocare con tale ottica fin dalla palla a due.

Dal canto suo Cremona continua a fare perno sul gruppo: coach Sacchetti, che non potrà avere Crawford infortunatosi ad una mano che lo terrà fermo per circa un mese, ha dimostrato che i personalismi non servono se non sono al servizio degli altri. Non sarà un match semplice e scontato nel risultato finale visto la differenza punti in classifica. La Vanoli deve ancora una volta prestare la massima attenzione sin dall’inizio adottando con il giusto atteggiamento tattico e prendendo da subito nelle mani il comando delle operazioni.

Marco Ravara

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    ed ora al palaradi