Commenta

Il monossido colpisce
ancora: numerosi interventi
dei vigili del fuoco

Allarme monossido in varie zone di Cremona e provincia. Ben cinque gli interventi compiuti oggi dai Vigili del Fuoco a seguito di segnalazioni di malori da parte dei sanitari, per probabile inalazione. Tra gli interventi il primo è stato  questa mattina in città: due persone sono finite in ospedale per accertamenti per una sospetta fuga nel palazzo di piazza Risorgimento sopra il bar San Giorgio; nel pomeriggio un uomo di 80 anni si è sentito male a Torre de Picenardi e una donna ad Annicco.

Il monossido di carbonio, gas inodore che si sprigiona dalla combustione incompleta di sorgenti fossili, può essere tenuto sotto controllo con alcuni accorgimenti domestici. Innanzi tutto, i radiatori a gas (pensili, unità spaziali, riscaldamento centrale, scaldabagni a gas) vanno controllati ogni due anni da un installatore di gas autorizzato. Richiedere sempre un certificato di conformità quando si installano. Assicuriamoci che vi sia periodicamente una presa d’aria fresca nella nostra casa. Non utilizziamo una stufa a gas durante la notte o per periodi prolungati. Riduciamo al minimo l’uso dei ventilatori di scarico allo stesso tempo in cui vengono utilizzati i riscaldatori. Si può inoltre considerare l’installazione di un allarme CO come misura di sicurezza aggiuntiva.

© Riproduzione riservata
Commenti