Commenta

Cremonese, pareggio beffa
allo Zini: con il Padova
grigiorossi bloccati 0-0

foto Sessa

Cremonese – Padova 0-0

Cremonese (4-4-2): Ravaglia; Mogos, Claiton, Terranova, Migliore; Boultam (dal 1’st Carretta), Arini, Soddimo, Strefezza; Piccolo (dal 35’st Longo), Strizzolo. All. Rastelli.
A disp.: Volpe, Agazzi, Rondanini, Croce, Castagnetti, Caracciolo, Del Fabro, Emmers, Renzetti, Mbaye.

Padova (3-4-1-2): Minelli; Andelkovic, Cherubin, Trevisan, Morganella, Calvano, Pulzetti, Longhi; Capello (dal 31’st Broh); Mbakogu (dal 29’st Marcandella), Bonazzoli. All. Bisoli.
A disp.: Favaro, Merelli, Ceccaroni, Baraye, Zambataro, Mazzocco, Cappelletti, Belingheri, Clemenza.

Arbitro: Francesco Guccini della sezione di Albano Laziale, coadiuvato dagli assistenti Marco Chiocchi di Foligno e Marcello Rossi di Novara. Quarto ufficiale Mario Saia di Palermo.

Gol: nessuno
Ammoniti: Morganella, Andelkovic, Boultam. Arini, Cherubin.
Espulsi: Merelli dalla panchina per proteste.
Corner: Cremonese 5, Padova 1
Note: Giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Recupero pt 2’+4’st

È una Cremonese vivace quella che scende in campo allo Zini contro il Padova. Rastelli ritrova Piccolo per il reparto avanzato, ed è questa l’unica novità rispetto alla gara di sabato scorso con lo Spezia. È la Cremonese che fa la partita nei primi e costruisce sfruttando la qualità dei suoi uomini, ma le due occasioni migliori sono sui piedi di Bonazzoli che prima calcia a lato e poi impegna Ravaglia. Sul fronte grigiorosso da registrare un tiro di Strefezza che non inganna Minelli. Al 31’ un tiro cross di Piccolo attraversa tutta l’area veneta senza che nessuno riesca ad intervenire per una deviazione. Proteste del Padova al 34’ su un tiro di Bonazzoli che Arini respinge di gomito proteggendosi il volto con le mani. Grandi proteste dei veneti con l’allontanamento dalla panchina del secondo portiere Merelli. La partita cala di intensità e si inasprisce, Guccini estrae i primi cartellini. Si va al riposo dopo due minuti di recupero sullo 0 a 0.

Cambia subito Rastelli nel secondo tempo, inserendo Carretta per Boultam; Strefezza cambia fascia e lascia la posizione di sinistra al nuovo entrato. Ed è proprio di Carretta, entrato subito in partita, il primo tiro della ripresa e Minelli para a terra. Il Padova raddoppia su tutti i palloni bloccando i portatori di palla grigiorossi con le buone e con le cattive. Cherubin si prende un giallo quando interrompe la corsa di Strizzolo lanciato sulla destra. Al 15’ grande parata di Ravaglia sul tacco di Bonazzoli a due passi dalla porta. Al 19’ Strefezza sfiora il palo con un gran destro dal limite. Proteste al 22’ per un intervento di Minelli su Arini in area, il fallo è nettissimo, ma Guccini non interviene. Poco dopo è ancora Strefezza a sfiorare il palo raccogliendo una sponda di Strizzolo. Al 27’ Strizzolo mette il pallone in rete ma la gioia del primo gol in grigiorosso gli viene negata dalla bandierina del primo assistente che segnala la posizione di fuorigioco. Rastelli prova a dare forze fresche in attacca inserendo Longo per lo stanco Piccolo, ma è ancora Strefezza a provare con un tiro potente ma impreciso. Nel finale il Padova fa il possibile per addormentare la partita e bloccare la Cremonese in cerca del vantaggio. Finisce 0 a 0 dopo un secondo tempo nel quale la Cremonese avrebbe meritato sicuramente qualcosa in più. Resta il rammarico del gol annullato a Strizzolo in sospetta posizione di fuorigioco.

Cristina Coppola

Foto Sessa

© Riproduzione riservata
Commenti