Commenta

L'Esperia supera la prova
del 9: piegato anche
l'Acli Stella Rimini

Esperia Cremona-Acli Stella Rimini 3-0 (25-12, 25-19, 25-18)

Esperia Cremona: Andreani, Antonucci 16, Bassi, Brandini 4, Nicoli 5, Lodi 11, Decordi 9. Ruffa (L), Fortuna, Ghisolfi 7, Bulla 5, Castagna. All.: Sbano-Denti.

Acli Stella Rimini: Jelenkovic (L), Costantino 1, Mazza 5, Ambrosoni 1, Bologna 3, Bascussi, Serafini (L), Francia 12, Bigucci 3, Bianchi, Tomasucci, Pesaresi 6, Cit, Cugnali 5. All.: Mussoni.

Le Tigri gialloblù superano 3-0 la Caf Acli Stella Rimini per 3-0, in poco più di un’ora di gioco. Nello starting 6+1 coach Sbano opta per Antonucci in banda per Bassi e Brandini al centro per Bulla: i primi scambi sono equilibrati, la squadra di casa spinge sull’accelleratore e prende il dominio del campo ed allunga (18-10). In un amen Decordi e compagne chiudono 25-12.

Più complesso il secondo set. Un muro di Brandini sigla il 6-4, ma Rimini, trascinata da Pesaresi, forza la battuta e sorprende la ricezione gialloblù e si porta in vantaggio (10-12). Lodi accorcia (12-13) ed Antonucci (16 punti, 1 ace e 2 muri) capovolge il punteggio sul tabellone luminoso (17-16). Sciolto il bandolo della matassa l’Esperia allunga (21-18) e chiude il set con Ghisolfi (25-19).

Terzo set più agevole. Sbano rimescola le carte con Bulla per Ghisolfi e Bassi per Decordi. L’inizio è incoraggiante (8-2), Bulla sigla il 13-7 e l’Esperia vola sul 15-7. Rimini prova un colpo di coda per rimontare ma Dea del tuono Lodi mette a terra il 20-14 e fa scorrere i titoli di coda alla gara, chiusa dall’Esperia 25-18. Nei punti finali spazio anche per Fortuna e Andreani mentre nel roster è stata inserita Carlotta Castagna, proveniente dal giovanile.

Tre punti fondamentali da parte dell’Esperia Cremona per il proseguimento del campionato che rispondono ai succesi della capolista Imola (3-0 a Gramsci Reggio Emilia), a Forlì, terza, (3-1 a Cervia) ed Emanuel Rimini (3-0 a Calerno Sant’Ilario). Nel prossimo turno, sabato 23 febbraio, Decordi e compagne faranno visita al fanalino di coda Calerno Sant’Ilario, prima dl big match contro Imola.

 

© Riproduzione riservata
Commenti