9 Commenti

Investimenti sulle ferrovie,
tagliate fuori la Cr-Treviglio,
la Cr-Bs e la Bs-Piadena-Pr

Le linee Cremona-Treviglio, Brescia-Cremona e Brescia-Parma (che passa da Piadena, San Giovanni in Croce e Casalmaggiore) tagliate fuori dagli investimenti previsti da Ferrovie dello Stato per rilanciare il trasporto su ferro nei prossimi cinque anni.  Nonostante gli investimenti preventivati siano di quasi 60 milioni di euro, infatti, a beneficiarne in Lombardia saranno altre linee. Tra quelle cremonesi, in particolare, i benefici ricadranno sulla Milano-Cremona-Mantova, mentre le altre linee, che peraltro risultano essere tra le peggiori in Italia secondo l’ultimo rapporto di Pendolaria, in particolare quelle in transito da Brescia, non vedranno un euro.

Nelle slide di presentazione mostrate ieri per illustrare gli investimenti, non c’era traccia di interventi urgenti come l’elettrificazione della linea tra Brescia e Cremona o del raddoppio dei binari fino a Ghedi, nonostante si tratti di interventi che già sarebbero stati previsti. L’ad di Rfi, Maurizio Gentile, ha detto che il potenziamento della linea Brescia-Cremona verrà fatto in una fase successiva e sarà legato al secondo lotto della Tav Brescia-Verona. Del resto si tratta di una linea che conta solo 3.700 passeggeri al giorno.

Rabbia anche da parte dei pendolari della Cremona-Treviglio, che attaccano: “ancora una volta, ci si dimentica della nostra tratta”. Insomma, nulla è cambiato dall’apparizione, nel 2015, dell’allora assessore regionale ai Trasporti Alessandro Sorte alla Festa del Pd, quando promise treni nuovi e puntuali sulla Cremona-Treviglio. “Il materiale rotabile è penoso, i ritardi e le soppressioni sono all’ordine del giorno. E anche se una maggiore regolarità sulla Mantova-Codogno può influire minimamente in modo positivo sulle altre, i benefici dei pendolari cremaschi sono pressoché nulli, perché le linee sono slegate tra loro”.

Per il consigliere pentastellato Marco Degli Angeli, il raddoppio della Mantova-Codogno è il segnale che “il Governo ha ripreso a dialogare con Rfi”. Per Matteo Piloni (Pd), “quel finanziamento era stato già previsto dai governi precedenti. Ed è bene ricordare che la Cremona-Treviglio necessita l’abbattimento dei passaggi a livello”.

ab-lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Elio

    Cremona ed i cremobesi sono sempre molto considerati. Il Sindaco che intende fare a riguardo?

    • Italiana

      Perché non lo dici tu ai tuoi amici della Lega?

      • Elio

        Mica sono leghista… anche se non ci sarebbe nulla di male

      • Carlob

        Quando ti mettono sulla nave?

        • Jo Pesce

          Secondo me è italiana come la kyenge sempre abbronzata tutto l’anno

    • Carlob

      Ridere

  • Nicolò Pravisani

    Guardate, a questo punto, basta solo che non mi fate deragliare il treno…

  • Mario Rossi SV

    I spererei sempre nel taglio dei rami secchi, non ha senso tenere in funzione linnee con pochissimi passeggeri, tipo la BS-PR quando il ponte a Casalmaggiore sarà sistemato spero venga definitivamente chiusa. Bastano pochi autobus per fare il servizio, costano meno e inquinano meno.

  • giorgino carnevali

    COINVOLGERE TUTTI QUANTI, NON SOLO UNO.
    E i sindaci di Brescia, Treviglio, Piadena e Parma…cosa intendono fare? Ci pensiamo domani? Ci pensiamo domani. Sempre la medesima litania, cambiate Elio qualche volta.