Un commento

Notte fonda per la Cremo
Con la Salernitana arriva
la terza sconfitta di fila (2-0)

Salernitana – Cremonese 2-0
SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; D. Anderson, Minala, Di Tacchio (88’ Mazzarani), Lopez; A. Anderson; Jallow (83’ Djuric), Calaiò (76’ Odjer). A disposizione: Vannucchi, Lazzari, Memolla, Schiavi, Gigliotti, Marino, Orlando. All. Gregucci.
CREMONESE (5-3-2): Agazzi; Mogos, Del Fabro (71’ Strefezza), Claiton, Caracciolo, Renzetti; Emmers (78’ Croce), Arini, Soddimo; Piccolo, Strizzolo (60’ Carretta). A disposizione: Ravaglia, Volpe, Rondinini, Migliore, Mbaye, Castagnetti, Boultam. All. Rastelli.
ARBITRO: Illussi di Molfetta. Assistenti Rossi di Rovigo e Bercigli di Valdarno. Quarto uomo Fourneau di Roma 1.
RETI: 61′ Minala, 69′ Jallow.
AMMONITI: Strizzolo (C), Piccolo (C), Soddimo (C), Calaiò (S) e Odjer (S).

Terza sconfitta consecutiva per la Cremonese che torna da Salerno senza punti e con la zona playout sempre più vicina. Massimo Rastelli cambia ancora modulo (5-3-2) e sceglie un atteggiamento prudente, nonostante alla vigilia il gol mancasse da quattro turni e nel 2019 ne siano stati segnati due (al Palermo allo Zini) in sette partite. L’altra grossa novità riguarda il portiere, con Agazzi che viene preferito a Ravaglia. La partita è sostanzialmente bloccata, la Cremonese tiene abbastanza bene il campo e concede poco, anche se i meccanismi della nuova difesa a cinque (già provata nel primo tempo di Brescia con pessimi risultati) vanno un po’ oliati, dato che le scalate e il presidio del lato debole non sono sempre puntuali. La Salernitana, in ogni caso, si affaccia dalle parti di Agazzi solo in un paio di circostanze (diagonale di Calaiò fuori di poco, tiro di Jallow sporcato in corner da un difensore), ma i girigiorossi faticano a costruire occasioni limpide per fare male ai padroni di casa. Piccolo ci prova da fuori dalla sua zolla preferita (mezzo spazio destro), ma il tentativo esce a lato. Alla mezzora, poi, Djavan Anderson riceve sulla destra, libero proprio sul lato debole della squadra di Rastelli, ma per fortuna dei grigiorossi scivola al momento della conclusione che diventa facile preda della retroguardia cremonese.

Dopo l’intervallo i due allenatori non cambiano niente ed entrambe le squadre continauano a tenere poco la sfera cercando la via più diretta per la porta avversaria andando per (e talvolta forzando) la giocata in verticale o cercando (soprattutto la Salernitana) lo sfogo sulle fasce per crossare. La partita sembra scivolare via senza grossi sussulti fino a che Caracciolo non viene atterrato nell’area campana: la Cremonese chiede un rigore che sembra esserci, ma per l’arbitro è tutto regolare. 5′ più tardi Strizzolo esce per infortunio (entra Carretta) e i padroni di casa passano in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo con Minala che sfugge al controllo di Soddimo e insacca nella porta sguarnita. La Cremonese prova a rimetterla subito in carregggiata, ma il tiro di Carretta viene deviato in corner da un difnesore. Poco dopo, però, arriva il colpo del ko dei campani quando Jallow attacca lo spazio alle spalle della linea difensiva grigiorossa e viene servito da un preciso lancio dalla difesa: il gambiano si trova a tu per tu con Agazzi e lo fredda in uscita. La partita è controllata senza grossi affanni dalla Salernitana, anche se la squadra di Rastelli riesce ad avere due fiammate: ad un quarto d’ora dal termine il colpo di testa di Carretta da ottima posizione termina alto di poco, mentre all’85’ viene giustamente annullato un gol a Croce per fuorigioco.

mtaino

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Imparare dalla Vanoli, pochi soldi ma grandi risultati.