Un commento

Cavo Rodanino invaso dai
rifiuti e Mobasco da ramaglie:
le proteste dei residenti

In vista di quella che i metereologi hanno definito “la stagione delle piogge”, che dovrebbe iniziare già durante la prossima settimana, preoccupa la situazione delle rogge cittadine. In particolare, i residenti del quartiere circostante il Politecnico (tra via Sesto e via Milano) segnalano le pessime condizioni un cui versa il Cavo Rodanino, che nel tratto scoperto che scorre a lato della tangenziale appare sporco e ingombro di rifiuti, anche di grosse dimensioni, come tolle di latta e sacchi neri. Quel tratto di corso d’acqua è caratterizzato da abbandono di sporcizia anche sulle sponde, tanto che i residenti da tempo lamentano la situazione, sebbene per il momento senza risultato. Senza contare la vegetazione che ormai invade praticamente ogni cosa, come già segnalato a suo tempo proprio nelle pagine di Cremonaoggi (leggi l’articolo).

Del resto neppure il corso del Morbasco vive una situazione rosea: in questo caso il problema non è tanto la sporcizia, quanto le ramaglie accumulate lungo le sponde, dopo i tagli effettuati alla fine dello scorso anno nell’ambito delle opere di manutenzione. Ramaglie che non sono state asportate e che qualora le piogge facessero riempire il fiume potrebbero creare qualche problema.

D’altro canto, sono numerosi i corsi d’acqua che necessitano periodicamente di attenzioni, soprattutto in vista di possibili piene: Cavo Baraccona, Cavo Cerca, Cavo Corrada, Cavo Morta, Naviglio Civico, Cavo Robecco, Colatore Cremonella, Colatore Fossa Civica, Roggia Marchesa, Colatore Pippia, Cavo Rodanino, Roggia Rodano, Scolmatore Bonisolo, Scolmatore Ipercoop, Scolmatore Morta-Cerca, Scolmatore Via Sesto, Marchionis, Scolmatore Pippa-Cerca, Colatore Via Castelverde, Colatore Bredina, Colatore Via Boschetto, Colatore Via San Quirico, Colatore Via Comizi Agrari, Roggia Malcorrente-Gambina.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Tutti i corsi d acqua, fossi è fiumi cremonesi e non sono in queste condizioni e la colpa non è dei comuni è colpa delle bestie che buttano tutto in giro e non smaltiscono o correttamente