8 Commenti

Lavori in via Brescia, dai
residenti appello al Comune:
'Non tagliate quelle piante'

Proteste e inquietudine da parte dei residenti del civico 111 di Via Brescia, dove attualmente sono in corso lavori di manutenzione delle rete fognaria. A scatenare la preoccupazione, raccontano i condomini, è stato un confronto con gli operai che lavoravano sul posto, secondo i quali i lavori avrebbero previsto l’abbattimento degli alberi.

“A incrementare la nostra preoccupazione, l’apparizione di una serie di X sugli alberi in questione” commentano i residenti. “Gli operai ci hanno anche detto che faranno una pista ciclabile più grande. Allora, di concerto con l’amministratore Bonelli abbiamo chiesto informazioni per capire cosa stava succedendo. Abbiamo così fatto sapere all’amministrazione delle nostre perplessità, indicando anche i problemi già presenti di viabilità di quel tratto di strada, ossia il fatto che la pista ciclabile in quella posizione è pericolosa perché taglia le uscite dei passi carrai”.

I condomini sono stati così ricevuti dal dirigente dei lavori pubblici, Marco Pagliarini, che li ha tranquillizzati dicendo che “Padania Acque avrebbe voluto tagliare gli alberi per facilitare i lavori, ma il Comune ha stoppato tutto. Pagliarini ci ha anche rassicurato sull’attenzione del nostro problema viabilistico: a questo proposito abbiamo suggerito di sfruttare il passaggio del cavo cerca, interrato, sfruttando così quel passaggio pedonale”.

I condomini sottolineano l’importanza degli alberi presenti nella via: “Oltre che apparirci in splendida forma, questi alberi per noi sono essenziali nella loro funzione ecologica” sottolineano i residenti. “Non abbiamo nulla contro le piste ciclabili, che anzi, ci sembrano utili, ma non a discapito degli alberi. Per questo abbiamo chiesto un confronto. Del resto quel tratto di strada è un vero e proprio far west, con gente che passa avanti e indietro contromano. Spesso la ciclabile, come è fatta ora, è pericolosa anche per chi transita a piedi. E’ miracoloso che ad oggi non via siano stati incidenti gravi; nonostante il condominio a proprie spese abbia installato uno specchio in strada, in un fazzoletto di asfalto sono concentrate due attività commerciali, un passo carrabile per 30 famiglie, un doppio senso di transito per ciclisti e pedoni”.

Dal canto suo l’ingegner Pagliarini conferma che da parte del Comune non vi è “Nessuna intenzione di tagliare piante, a meno che non siano ammalate” evidenzia. “Approfittiamo di lavori in corso per fare delle verifiche preliminari in merito alla realizzazione della nuova pista ciclopedonale, e abbiamo stabilito che eviteremo di toccare gli alberi”.

La pista, i cui lavori partiranno presumibilmente tra giugno e luglio, una volta terminate le ciclopedonali di via Mantova e di viale Trento Trieste, dovrà essere ancora oggetto di valutazioni da parte del Comune: “Il progetto esecutivo c’è già, ma stiamo valutando, anche alla luce delle problematiche segnalate dai residenti in merito ai passi carrai, di prevedere l’attraversamento della pista sull’altro lato della strada dieci metri prima, in modo da non doverla far passare davanti ai condomini”.

LA LETTERA

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Illuminatus

    Tagliano gli alberi, che producono ossigeno, per creare ciclabili. No comment.

    • Mattia

      Ciclabili e parcheggi creano…. a no i parcheggi no scusate li tologono

    • Facebook User

      ma lei sa leggere….?!

      • Illuminatus

        Certo, infatti taglieranno solo le piante “malate”…

        • Gianluca

          Nel momento in cui si inizieranno i lavori di costruzione della ciclabile fino a piazza Libertà, temo che alcune piante saranno tagliate lungo tutta la via. Spero di sbagliarmi.

      • Diretur

        Non c’è speranza, commentano e basta.

        • Illuminatus

          Staremo a vedere se non tolgono qualche pianta… e Lei la pianti ed insultare gli altri. Non è Dio, sa.

  • Gianluca

    In Viale Trento e Trieste per far posto alla ciclabile di piante ne sono state tagliate parecchie.