Commenta

Ostiano centra la quinta
vittoria consecutiva e supera
l'Albese al tie break

Albese-Ostiano 2-3 (23-25, 26-24, 25-15, 23-25, 14-16)

Tecnoteam Albese: Galazzo, Facco 11, Citterio 15, Piazza 17, Aliberti 23, Teli 11, Amicone (L), Bonelli 1, Migliorin 1, Laffranchi n.e. All. Mucciolo.

Csv-Rama Ostiano: Barbarini 13, Vidi 27, Ravera 8, Frugoni 3, Boninsegna 11, Arcuri 1, Paris (L), Dalpedri 3, Ravera 6, Visioli, Zagni, Braga n.e. All. Bolzoni.

Note: durata set: 28′, 29′, 23′, 27′, 21′; Alba-Ostiano: aces: 8-4; errori in battuta: 12-7; muri: 19-9; attacco: 28%-28%; ricezione: 61%(12%)-68%(17%).

Sofferta com’era preventivabile che fosse ma, forse anche per questo, ancora più bella perchè conferma le qualità morali oltre che tecniche della Csv-Rama Ostiano ora salda al sesto posto e con una striscia aperta di cinque vittorie consecutive, ottimo viatico in vista del derby di settimana prossima.

Ostiano approccia bene il match con Vidi (5 punti con il 50% in attaccoa fare la voce grossa in attacco ed una buona lucidità nei momenti caldi a consentire alle ospiti di chiudere il primo set al fotofinish sul 23-25. Le padrone di casa non si perdono d’animo e trascinate da Aliberti (8 punti nel parziale) rispondo prontamente alle ragazze di coach Bolzoni ferme al 24% in attacco e messe ko ai vantaggi sul 26-24 dell’1-1.

La Tecnoteam sfrutta il momento favorevole e nel terzo parziale rompe gli indugi passando dal 16-12 al 25-15 con un 9-3 di parziale nel quale Ostiano, con la sola Vidi continua in attacco, sembra alzare bandiera bianca. Le ospiti barcollano sull’8-6 di avvio quarto set ma poi reagiscono di prepotenza firmando a propria volta un parziale importante (2-10) che ribalta l’inerzia prima che le padrone di casa mettano in discussione il finale passando dal 17-21 al 23-24 poi convertito dalle ospiti.

Il tie break sembra subito prendere la via di Ostiano sul 7-10 ma la Tecnoteam ha la forza di reagire ed impattare sul 14-14 prima che Ostiano chiuda sul 14-16 con Feroldi decisiva nel quinto set (5 punti e due muri).

© Riproduzione riservata
Commenti