Commenta

80 capi scout dell'Agesci
riuniti per due giorni
al seminario vescovile

Si è svolto a Cremona nelle giornate di sabato 30 e domenica 31 marzo, presso il Seminario Vescovile, il convegno della Zona AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) Cremona-Lodi. Molti gli ospiti intervenuti all’evento, fra i quali il vescovo di Crema Daniele Gianotti, per discutere di temi molto cari agli scout, come ad esempio la vocazione dell’essere capo, la progettualità in ambito scout e la cittadinanza attiva.

Il convegno ha visto impegnati più di 80 capi provenienti dai gruppi scout di Cremona, Crema, Orio Litta, Soncino, Castelleone, Codogno, Casalmaiocco, Lodi e S. Angelo lodigiano. I capi per un weekend non hanno fatto attività con i ragazzi dei loro gruppi per fermarsi a riflettere su temi per loro molto importanti. Il convegno costituisce, infatti, un momento di formazione molto importante per i capi dell’Associazione e la partecipazione è stata numerosa.

Durante l’evento, caratterizzato da laboratori di discussione e da laboratori pratici, non sono mancati momenti di aggregazione e di gioco, tipici del metodo scout.

Dall’elaborazione degli interventi degli ospiti e dalle considerazioni fatte dai capi durante i laboratori di discussione, scaturirà il “Progetto di Zona” che caratterizzerà il programma di formazione dei capi della Zona per i prossimi 3 anni.

Numerose le associazioni e le persone vicine agli scout che hanno reso possibile lo svolgimento dell’incontro: i quadri regionali di AGESCI Lombardia, il vescovo Gianotti, la Croce Rossa Italia (nella persona della presidente e del formatore Edoardo Mazzieri), don Francesco Cortellini e don Marco D’Agostino del Seminario Vescovile.

© Riproduzione riservata
Commenti