Politica
Commenta5

Riqualificazione del comparto Vida-San Lorenzo. Ecco il progetto del centrodestra

Il candidato sindaco per il centrodestra ha presentato il progetto di riqualificazione del comparto Vida-San Lorenzo a Cremona: si tratta di un progetto, curato dall’architetto Federico Fasani, che porterebbe una decina di posti in più per il parcheggio delle auto grazie a una struttura moderna con una terrazza e una rampa che permetterebbe di sfruttare anche il giardino pensile della scuola Vida, ora non utilizzato. Insieme a Malvezzi, lo stesso Fasani, Pietro Burgazzi, segretario della Lega e Marcello Ventura di Fratelli d’Italia.

Il progetto prevede anche un restyling dell’ingresso del museo archeologico di San Lorenzo: nuova illuminazione, verde più curato e nuove rastrelliere per le biciclette che darebbero più valore all’ingresso di uno dei musei principali di Cremona.

“Questa è la terza idea progettuale che presentiamo, dopo via Goito e via Giordano”, ha detto Malvezzi. “Questo è un comparto da valorizzare, comprende museo, scuole, palestra, parcheggi. Partendo da una criticità, ossia il muro da consolidare e la palestra che presenta dei problemi, proponiamo una visione complessiva, che può essere realizzata a step che abbia la possibilità di attrarre investimenti”. Il consolidamento del muro offrirebbe l’occasione di realizzare un piano sopraelevato con accesso dall’esterno, in modo da poter raggiungere il piano del giardino. L’accesso  potrebbe essere regolato a seconda delle attività scolastiche, rendendo quindi fruibile alla collettività questo spazio verde del tutto sconosciuto. I finanziamenti potranno essere intercettati attraverso bandi, ma si conta anche su finanziamenti privati, una collaborazione che costituisce la base delle proposte progettuali del centrodestra.

A sinistra i render della sistemazione della piazzetta di fronte all’ingresso del museo archeologico
La riqualificazione ideata da Fasani consentirebbe di recuperare una decina di posti auto nella piazza adiacente al muro da consolidare e di allargare la sede stradale di via San Lorenzo eliminando il cordolo centrale.

© Riproduzione riservata
Commenti