9 Commenti

Zagni: un voucher per far
scegliere alle famiglie
le attività del tempo libero

Nuova tappa di #ZagniSculteme, l’iniziativa con cui il candidato vicesindaco della Lega Alessandro Zagni ha deciso di mettersi in ascolto dei cremonesi, incontrandoli personalmente, raccogliendo indicazioni, spunti e criticità. Zagni è stato ospite dell’associazione di promozione sociale Ponte Sound, scuola di musica di Cremona frequentatissima da chi ha la passione del canto e degli strumenti musicali. Confrontandosi con il direttivo dell’associazione è nata l’idea del ‘Voucher Tempo Libero’, “un nuovo modello  – dichiara il candidato – per finanziare le associazioni cittadine che si mostreranno più attrattive, evitando erogazioni senza criterio. Finora il Comune ha scelto quasi arbitrariamente quali associazioni ed enti sostenere con convinzione, e si è limitato a dare una mancia di pochi euro ad altri soggetti. Noi invece istituiremo un voucher, un buono da mettere a disposizione delle famiglie. Saranno loro a scegliere direttamente dove spenderlo, sulla base delle proposte che le singole associazioni faranno. Il nostro concetto di cultura non è a solo uso e consumo delle élite. In questo modo stimoliamo le associazioni a presentare idee interessanti per i cremonesi, e nel frattempo lasciamo libertà di scelta a chi ne vorrà usufruire”. “Scuola di musica, corsi di recitazione, danza o di pittura. Gli enti e le associazioni che a Cremona promuovono la cultura sono molte, saranno i cittadini a premiare quelle che lavorano meglio e propongono progetti interessanti”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ottavo Nano

    Che fregatura per quelle associazioni che prendono soldi e poi puffffff

  • Elio

    Ottima idea

  • Roberto

    Sig Zagni con tutti questi selfie, vuole rompere il vetro del mio smartphone?

  • Ghidebor

    Un altro settore in cui favorire i propri amici e imbalsamare la città. Il metodo è semplice: basta accreditare come soggetti idonei a riscuotere i voucher solo amichetti e chi si allinea senza lamentarsi. È un classico della coalizione, travestito da “scelta dei cittadini”.

    • Elio

      A me non sembra ma se vincerà staremo a vedere

      • Ghidebor

        Hanno già governato 5 anni e così hanno fatto in altri settori, ad esempio nel campo dei servizi educativi.
        È il modello ciellino-leghista di sussidiarietà.
        Allargando un po’ lo sguardo su scala regionale basta vedere cos’è successo alla sanità lombarda.

        • Elio

          Se vinceranno spero solo in bene. Alle comunali piu che il partito conta l individuo.

        • Aieie

          Non mi sembra che la sanità lombarda sia messa così male; è la regione che, con i conti a posto, attrae più pazienti da tutta Italia.

          • Ghidebor

            Costi sempre più sulle spalle dei cittadini, tempi di attesa in vertiginoso aumento (anche nelle strutture private convenzionate), almeno un decennio di scandali e arresti, strutture pubbliche sempre più fatiscenti…
            Un modello per il futuro!