Commenta

Due violini da Cremona alla
Sardegna per le celebrazioni
del barone Giuseppe Manno

Da destra: Prof. Aldo Accardo (Fond. Siotto), Dr. Mario Bruno (Sindaco Alghero), Prof. Fabio Perrone, Prof.a Elena Negrotti, M.o liutaio Daniela Schifano, Dr.a Margherita Lendini (Rotary Alghero) ad Alghero

Presso la Sala di rappresentanza del Comune di Alghero si è tenuta venerdì 17 maggio la cerimonia di donazione al museo Casa Manno di un violino ottocentesco decorato dalla prof.ssa Elena Negrotti di Cremona con lo stemma araldico del barone Giuseppe Manno. La donazione, promossa dal Comitato Promotore Club per l’UNESCO di Cremona presieduto dal prof. Fabio Perrone, con la compartecipazione del Rotary Club di Alghero, dell’Academia Cremonensis e dell’ADAFA di Cremona, ha voluto essere un omaggio all’uomo algherese e soprattutto al musicista che fu. Il Manno, alto magistrato, presidente di Cassazione e presidente del Senato del Regno, iniziò a suonare il violino a Cagliari quando studiò presso il Collegio dei Nobili e restò intimamente legato allo strumento fino alla sua dipartita.

Il violino ottocentesco destinato a Casa Manno desidera “mantenere viva e rinnovare la storia dell’uomo e la memoria musicale dell’illustre algherese”. L’evento ha completato il ciclo di manifestazioni per il 150° anniversario della scomparsa del Manno, iniziate ad Alghero il 12 maggio 2018 con la mostra ‘Il Conservatore’ di Roberta Filippelli e a cura di Mariolina Cosseddu e concluse, appunto, con l’evento ‘Un Violino per Manno’ aperto dall’intervento del Sindaco Mario Bruno e degli assessori Gabriella Esposito e Raniero Selva. Sono intervenuti Fabio Perrone, Margherita Lendini, Presidente Rotary Club Alghero e Aldo Accardo, Presidente Fondazione ‘Siotto’ di Cagliari e Francesco Scoppola, direttore generale MIBACT. La serata si è conclusa con l’esibizione musicale del maestro Dario Pinna accompagnato al pianoforte da Riccardo Pinna.

Dopo la tappa algherese le celebrazioni si sono spostate a Cagliari dove un secondo violino, costruito dall’Accademia Liuteria Piemontese di Torino, è stato donato dal Comitato Promotore Club per l’UNESCO di Cremona, tramite la Fondazione Siotto di Cagliari, al Convitto Nazionale di Cagliari (ex Collegio dei Nobili) dove Manno studiò. All’evento sono intervenuti oltre ad Aldo Accardo e Francesco Scoppola, Bruno Corda, Prefetto di Cagliari, Michele Cossa, Consigliere Regionale, Paolo Rossetti, Rettore del Convitto Nazionale accompagnato da 300 convittori e dall’orchestra della scuola media ad indirizzo musicale. Il violino è stato suonato dalla violinista quattordicenne Costanza Banchiero della 3D.

© Riproduzione riservata
Commenti